11 settembre 2001
Dopo l'11 settembre 2001 è cambiata la sicurezza negli aeroporti
adv

Dopo l’11 settembre 2001 sono cambiate tante cose, una di questa è la sicurezza negli aeroporti

L’11 settembre 2001 è una data scolpita nelle menti di tutte le persone del mondo, tutti noi ricordiamo quelle incredibili scene in televisione, quegli aerei che si abbatterono sulle Torri Gemelle. A distanza di 18 anni non si possono ancora dimenticare quelle immagini, che hanno sconvolto e modificato la storia moderna. Tra i tanti cambiamenti dobbiamo necessariamente citare le misure di sicurezza negli aeroporti.

Dopo l’11 settembre 2001 c’è il divieto di portare a bordo determinati oggetti

Gli attentatori che salirono sugli aerei, si imbarcarono con degli oggetti pericolosi: taglierini e altre armi da taglio. Dopo quel giorno, ci furono controlli più intensi che condussero nel 2006, oltre al divieto di introdurre oggetti pericolosi (armi, munizioni, pistole giocattolo,ecc…), anche al divieto di portare  liquidi a bordo se superiori ai 100 millilitri. Parliamo dunque di: acqua e altre bevande, minestre, sciroppi; creme, lozioni, olii e mascara; profumi e spray; gel, inclusi quelli per i capelli e per la doccia; contenuto di recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba; altre schiume e deodoranti; sostanze in pasta, incluso dentifricio; miscele di liquidi e solidi; ogni altro prodotto di analoga consistenza. I recipienti contenenti i liquidi dovranno poi essere inseriti in un sacchetto di plastica trasparente e richiudibile. Questo regolamento vale solo per i bagagli a mano e non per quelli di stiva.

Cabina piloti con porta blindata

Gli attentatori dell’11 settembre, oltre a riuscire a entrare in aereo con delle armi da taglio, riuscirono ad accedere facilmente nella cabina piloti dove assunsero il comando del velivolo per schiantarsi contro il World Trade Center. Dopo questi episodi si decise che, per migliorare la sicurezza, era necessario rafforzare la cabina piloti con una porta blindata. Ora per entrarvi è necessario inserire uno specifico codice.

L’introduzione del Body Scanner

I controlli che si svolsero durante l’11 settembre, dimostrarono che le tradizionali norme di sicurezza non erano sufficienti, troppo cose erano sfuggite all’occhio umano. L’introduzione del body scanner (in Italia dal 2010) ha consentito un’ispezione più accurata sul corpo dei passeggeri per scoprire eventuali armi o oggetti potenzialmente pericolosi.

Mostrare i dispositivi elettronici

Molti di noi, quando stiamo per passare i controlli, ci chiediamo il perché dobbiamo togliere dal nostro bagaglio a mano oggetti come Pc e tablet. Qual è il motivo? Questi dispositivi potrebbero contenere dell’esplosivo. C’è da dire, però, che i controlli sono molti accurati e, una volta a bordo, questi apparecchi si possono tranquillamente utilizzare.

Trasporto medicinali

A differenza dei liquidi, i medicinali possono essere trasportati senza sacchetto di plastica, ma potrebbe essere necessario dimostrare l’effettiva necessità di questi prodotti. Quindi è sempre meglio portare con sé un certificato medico.

Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.