adv

Oggi, 15 giugno è San Vito Martire

Siciliano di nascita, ad appena sette anni è protagonista di prodigi e, nel prosieguo della sua esistenza, non smette di operare per il bene. Arriva, perfino, a guarire dall’epilessia il figlio di Diocleziano che  sentendone parlare lo aveva fatto arrivare a Roma.

A Napoli si dice così “A ‘o core nun se cummanna” (al cuore non è possibile impartire ordini); quando il cuore agisce non è possibile controllarne le azioni e, quindi, non si può comandare.

Riflessione del giorno:

l’intelligenza è invisibile per l’uomo che non ne possiede. (Schopenhauer)

 

 

Casimiro Toddichio