Polizia
adv

Un ennesimo scontro tra coinquilini finisce in tragedia; la ragazza 19enne perde la vita, arrestato il suo assassino

È successo in Michigan, Stati Uniti, nel giugno dello scorso anno, ma la notizia è trapelata solo in queste ore. Una giovane donna, di appena 19 anni, è stata uccisa dal suo coinquilino dopo un litigio avvenuto per un futile motivo, dopo una serie di precedenti attriti.

Ennesimo litigio che ha fatto riemergere vecchi rancori

La giovane vittima si chiamava Jamie Barsegian e viveva in un appartamento assieme al suo fidanzato e al loro amico Tywaun Sims-Scott, anch’egli 19enne. Pare che dalle confessioni di quest’ultimo, con Jemie ci fossero già stati tanti dissapori in passato, tanto che egli fu costretto a lasciare l’abitazione per un po’ di tempo, per poi tornare successivamente. La mattina della tragedia una nuova lite, nata per un futile motivo, quello della colazione, per poi accendersi rapidamente e sfociare in una follia assurda che ha portato alla morte di Jamie. Il ragazzo, esasperato, pare abbia ucciso la giovane con un coltello da cucina, infliggendole 49 coltellate.

Condanna per omicidio

Dopo il raptus di follia, il giovane ha avvertito immediatamente la polizia, facendosi trovare in strada, ricoperto di sangue, con in mano l’arma del delitto. I fatti, accaduti lo scorso anno, sono trapelati solo in queste ultime ore. Il prossimo 7 ottobre, Scott sarà processato per omicidio volontario.