25 aprile
Sergio Mattarella ha deposto una corona di alloro all’Altare della Patria nel 74° Anniversario della Liberazione
adv

Oggi, 25 aprile, in occasione del 74° Anniversario della Liberazione, in tutta Italia ci saranno diverse celebrazioni per ricordare questa giornata

L’Anniversario della Liberazione d’Italia è una festa nazionale della Repubblica Italiana che ricorre il 25 aprile di ogni anno.

È un giorno fondamentale per la storia del nostro paese, in quanto esso è il simbolo della vittoriosa lotta di resistenza militare e politica attuata dalle forze partigiane a partire dall’8 settembre 1943 contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e contro l’occupazione nazista.

Come ogni anno, in tutta Italia, in memoria di questo giorno, si effettuano delle celebrazioni con le massime autorità politiche.

25 aprile: l’omaggio di Mattarella all’Altare della Patria

Questa mattina il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deposto una corona di alloro all’Altare della Patria nel 74° Anniversario della Liberazione presso la tomba del milite ignoto.

Nella giornata di ieri, invece, il Presidente è voluto intervenire per ricordare l’importanza di questo giorno:

“Un popolo in grado di riscattarsi e riappropriarsi del proprio destino contro un regime nemico dei suoi stessi cittadini: questo è il significato del 25 aprile. Ci stimola a riflettere su come il nostro Paese risorse dalle rovine della guerra. Un nuovo risorgimento per un popolo che ha saputo resistere. Tutti conosciamo le gesta dei partigiani, nelle montagne e nelle città. Così come l’appoggio dei civili a chi sfuggiva a un destino di morte. Conoscere la tragedia che l’Italia attraversò in quel periodo aiuta a comprendere le tante sofferenze che si consumano alle porte dell’Europa. Il mondo continua purtroppo a essere diviso, tra aree di prosperità e zone di guerra. I valori di pace, sviluppo e libertà non possono essere monopolio di alcuni popoli, ma riguardano l’intera umanità”.

Il premier Conte ricorda le Fosse Ardeatine

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si è recato invece al sacrario delle Fosse Ardeatine dove ha deposto una corona in memoria dell’eccidio del 1944 che costò la vita di 335 civili e militari italiani, prigionieri politici, ebrei o detenuti comuni, trucidati a Roma dalle truppe di occupazione tedesche come rappresaglia per l’attentato partigiano di via Rasella.

Il premier Conte non ha aggiunto molte parole, ma ha solo voluto ricordare che il 25 aprile è la festa di tutti gli italiani, mettendo fine alle recenti polemiche in relazione a questa importante giornata.

25 aprile
Il Vittoriano o Altare della Patria è un simbolo del 25 aprile

Le celebrazioni della comunità ebraica con Luigi Di Maio e Virginia Raggi

Anche il vicepremier, Luigi Di Maio, parteciperà alle celebrazioni del 25 Aprile. Il Ministro del Lavoro si recherà a Roma presso la Sinagoga Beth con il Presidente del World Jewish Congress Ronald Lauder per rendere omaggio alla lapide in memoria della Brigata Ebraica.

Il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, si recherà al Cimitero di guerra del Commonwealth per partecipare alla manifestazione della comunità ebraica.

25 Aprile: le celebrazioni nelle altre città italiane

Abbiamo visto le celebrazioni a Roma, ora vediamo il programma nelle altre città italiane.

A Napoli ci sarà il Presidente della Camera, Roberto Fico, che presenzierà agli appuntamenti istituzionali al Mausoleo di Posillipo e al Monumento a Salvo d’Acquisto. Presenti anche il sindaco del capoluogo campano, Luigi de Magistris e Antonio Amoretti, 94 anni, partigiano e presidente dell’Anpi di Napoli.

A Milano ci sarà il tradizionale corteo dell’Anpi che giungerà a piazza Duomo dove interverrà tra gli altri, il sindaco della città, Giuseppe Sala.

A Torino invece si è aperta questa mattina, presso il Cimitero Monumentale, la cerimonia commemorativa del 74esimo Anniversario della Liberazione. Inoltre, per tutta la giornata si potranno visitare i rifugi antiaerei.