Accordo tra Microsoft e Sony
Accordo tra Microsoft e Sony
adv

Nonostante l’accesa competizione per la migliore piattaforma videoludica, le due grandi aziende hanno trovato un accordo.

Accordo Microsoft-Sony

I due colossi del videogaming si sono offerti una tregua ed hanno trovato un accordo almeno per quanto riguarda lo streaming dei loro prodotti.

I padri di Playstation ed Xbox sono giunti ad un punto d’incontro per le nuove tecnologie di sviluppo e distribuzione dei videogiochi, esattamente in tema di cloud gaming.

L’intesa prevede “lo sviluppo congiunto di future soluzioni cloud su Microsoft Azure per supportare i rispettivi servizi di giochi e lo streaming di contenuti”

Soddisfatti da entrambe le parti

Una grande opportunità per Sony, che potrà finalmente servirsi di un data center efficiente come quello di Azure per puntare ad un ottimo livello in tematiche di streaming, dati i non soddisfacenti risultati che sta portando il parco internet offerto da Sony.

Il leader della divisione Xbox di Microsoft, a tal proposito, si è detto “entusiasta delle opportunità che ci attendono con Sony per perseguire le nostre ambizioni reciproche nel campo del gaming e deliziare i giocatori di tutto il mondo”.

E non poteva che essere così, dato che la casa di Redmond ottiene un nuovo cliente per i propri servizi di clouding ed un accesso ai sensori di immagine Sony.

Chi è rimasto fuori?

Le tempistiche di questa alleanza sembrano fatte in modo da prepararsi al lancio di Google Stadia, che sembra poter già puntare sull’appoggio di importanti case di sviluppo e distribuzione ed ha già fatto scalpore nell’utenza videoludica.

Ma a rimanere fuori da questo patto non è solo Google Stadia, come siamo portati a pensare in un primo momento.

Ricordiamo infatti che Netflix ha preannunciato la sua partecipazione all’E3 di quest’anno, dando quindi l’idea di volersi confrontare con i grandi colossi del gaming.

Anche Amazon, inoltre, rimane fuori da questo “trattato”, relegando così Amazon Game Studios ad un ruolo alquanto marginale.