Home Note Redazionali Afragola, Cardito e Crispano: cinque rapine nella stessa serata, tre a segno...

Afragola, Cardito e Crispano: cinque rapine nella stessa serata, tre a segno e due tentate

30

17enne arrestato dai Carabinieri. E’ caccia al complice

I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Casoria, insieme a quelli delle Stazioni di Crispano e Afragola hanno arrestato un 17enne del Rione Salicelle di Afragola per una rapina commessa ai danni del titolare di un supermarket di Cardito.

Utilizzando una pistola, insieme ad un complice, aveva sottratto al negoziante di Via Fermi la somma di 600 euro. La vittima ha immediatamente allertato i militari, fornendo una descrizione accurata dei due rapinatori e del veicolo utilizzato.

Dopo serrate ricerche il 17enne è stato rintracciato vicino ad uno scooter di grossa cilindrata, corrispondente alla descrizione fornita dalla vittima. Bloccato, il 17enne è stato trovato in possesso di 1050 euro in contante, ritenuto provento illecito.

Poco distante, verosimilmente buttate via all’arrivo dei militari, una pistola scenica calibro 8mm e un passamontagna.

Secondo quanto accertato dai carabinieri grazie all’analisi delle telecamere di sorveglianza e alla raccolta di altre 4 denunce, il 17enne ed il complice ancora in fase di identificazione avevano colpito nella stessa serata di ieri anche un fruttivendolo di Via De Gasperi a Cardito, al quale avevano portato via 850 euro sotto la minaccia della pistola.

E ancora una Macelleria di Via Turati, il cui titolare, reagendo al tentativo di rapina, aveva messo in fuga i due. Colpita con la stessa tecnica anche una farma-sanitaria di Crispano: 600 euro il bottino raccolto sotto minaccia.

E infine un alimentari di Afragola

Per quest’ultimo, rapina sventata per la prontezza di riflessi del gestore che si è reso conto delle intenzioni dei due rapinatori e ha sbarrato le porte del locale, lasciando i due fuori sotto l’occhio delle telecamere.

Arrestato per rapina aggravata, il 17enne è stato tradotto al Carcere Minorile di Nisida.
Continuano le indagini per risalire all’identità del complice.