Ultima Cena di Leonardo da Vinci
adv

Per ricordare i 500 anni della morte del grande Leonardo da Vinci, il 28 settembre 2019 andrà in onda una puntata a lui dedicata di “Ulisse, il piacere della scoperta”

Domani sera, 28 settembre, andrà in onda su Raiuno una puntata realmente da non perdere su Ulisse, il piacere della scoperta, dedicata al cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, occorsa il 2 maggio del 1519. Sarà Alberto Angela a condurci, con l’aiuto di tanti ospiti illustri, in un viaggio che non dimenticheremo facilmente nei luoghi percorsi e vissuti dal grande genio italico.

Leonardo da Vinci e Alberto Angela

Angela, conduttore del programma, inizierà la sua trasmissione nel castello di Clos-Lucé ad Amboise, in Francia, luogo dove morì all’età di 67 anni Leonardo. Da lì, ci trasferiremo prima a Firenze, dove l’artista da giovane fu allievo di Andrea del Verrocchio, e poi Milano, il luogo simbolo (come vedremo) di Leonardo. In questa titanica impresa Alberto non sarà solo: con lui ci saranno illustri ospiti quali l’attore Gigi Proietti, il comico Roberto Benigni e la cantante Giorgia (il cui vero nome è Giorgia Todrani).

Il sorriso enigmatico di Monna Lisa

Il mistero Leonardo

Questa puntata avrà proprio lo scopo di rivelare il mistero di Leonardo: che uomo era realmente? Da dove traggono origine tante delle sue opere? Per scoprire ciò saremo portati alla Galleria degli Uffizi a visitate le prime opere leonardesche conservate nella Sala a lui dedicata. A Milano, comprenderemo la genesi e il metodo di realizzazione di una tra le opere più note del pittore fiorentino: L’Ultima Cena.

Per concludere, vogliamo riportate una frase scritta da Leonardo che, secondo noi, sintetizza mirabilmente  la portata di questo programma: «Nessuna cosa si può amare né odiare, se prima non si à cognition di quella».

Buona visione.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.