amazon web services
adv

Poco conosciuto dagli utenti ma molto utilizzato da grandi società: questo è Amazon Web Services

Chi non conosce Amazon? E chi, soprattutto negli ultimi mesi, non ha mai sentito il termine cloud computing? Qualora ci fosse qualcuno che non conosce né l’uno né l’altro provvederemo subito alla relativa spiegazione ed alla conoscenza di quel che è l’offerta Amazon Web Services.

Amazon è un famosissimo sito di e-commerce statunitense, con sede a Seattle (stato di Washington), fondato da Jeff Bezos nel 1994 e diventato operativo l’anno dopo (1995); se inizialmente nasce come una sorta di libreria online, oggi permette l’acquisto di qualunque prodotto, abbracciando settori totalmente diversi tra loro passando dall’abbigliamento ai libri fino alla mobilia e agli articoli da collezionismo (tra gli altri).

Il cloud computing, invece, è un servizio che permette l’archiviazione dei dati e l’utilizzo delle diverse risorse, sia software sia hardware, attraverso un server remoto: la “nuvola”, volendo utilizzare il termine tradotto in italiano. Il cloud è diventato di fondamentale importanza sia per gli utenti privati ma anche, e soprattutto, per le aziende che hanno trovato nel cloud la soluzione ai tantissimi dati personali da trattare.

Che cos’è Amazon Web Services?

Dopo aver inquadrato i due termini, si può procedere nell’analizzare l’Amazon Web Services; nello specifico quest’offerta promossa dall’azienda americana permette di aiutare quelle imprese che hanno bisogno di un sistema di gestione per tutte le applicazioni in cloud computing. Grazie ad Amazon Web Services, infatti, le aziende possono reperire tutti quei servizi creati ad hoc proprio per la gestione del cloud.

AWS, l’acronimo utilizzato per Amazon Web Services, può essere definito come una sorta di piattaforma digitale all’interno della quale sono presenti, appunto, tutti i servizi per il cloud computing tanto che l’impero creato da Bezos è uno dei fornitori principali del cloud nonché l’hosting provider (sistema che permette ad una determinata tipologia di clientela di posizionare il proprio sito internet nel mondo del web).

Un’offerta nata per aiutare le aziende in difficoltà

Inizialmente l’AWS rivestiva un’altra veste, concentrata prevalentemente sulla propria azienda; nel corso del tempo, mentre si lavorava con assiduità in infrastrutture per l’IT (Information Technology) che servivano per il sito dell’e-commerce, l’azienda si è ritrovata di fronte a numerose richieste di sviluppatori che volevano nuovi servizi, sperimentati da Amazon nei mesi precedenti.

Nello specifico si parla di servizi di cloud computing e, considerando che Amazon ha lavorato per molto tempo su risorse hardware, sulla scalabilità, sui data center, sui server e sulle applicazioni (soprattutto nella gestione e creazione), ha pensato di offrire alle aziende tutto ciò che aveva appreso nel corso degli anni, il tutto racchiuso in Amazon Web Services.

Ma come si intreccia l’offerta con il cloud computing?

Amazon Web Services è un’offerta abbastanza giovane in quanto nasce, volendo attribuire una collocazione temporale, circa dieci anni fa e pertanto ha una tecnologia moderna che si basa sul sistema dei servizi di calcolo, il cosiddetto “computing”, che funziona grazie alla rete internet, il “cloud” e che insieme formano appunto il cloud computing. Con questi due elementi, quindi, si può dire che il servizio è utilizzato quotidianamente da tutti gli utenti, non solo dalle aziende, sia quando si ascolta musica o quando, ad esempio, si inviano documenti online.

L’offerta Amazon Web Services, tuttavia, è finalizzata esclusivamente alle imprese, soprattutto per quelle che necessitano di creare delle nuove applicazioni scalabili e che siano ben definite e personalizzate al contesto che vive la società richiedente l’offerta e, pertanto, diverse da un’impresa all’altra.

Amazon Web Services, comunque, è un’offerta estremamente semplice da utilizzare. Attraverso un indirizzo e-mail, infatti, si crea un account da associare alla carta di credito; a quel punto si può aver accesso all’interfaccia che consente di gestire tutti i servizi necessari a quell’impresa inerenti, ovviamente, al cloud computing.

Altro aspetto importante è l’economicità dell’offerta; le aziende, infatti, possono accedere esclusivamente ai servizi necessari per la propria organizzazione pagando, di conseguenza, soltanto quanto utilizzato evitando costi eccessivi e superflui per alcune funzioni che non sono necessarie nel ciclo aziendale.

Amazon Web Services conquista il mondo del web

Nonostante magari sia poco conosciuto agli utenti, Amazon Web Services gode di una posizione sul web molto interessante; da Instagram a Airbnb, passando per Dropbox, Netflix, Tumblr, Pinterest, Etsy e Foursquare, tutti queste grandi società hanno affidato la propria gestione delle applicazioni per il cloud computing ad Amazon.

E non finisce qui perché anche Samsung, IBM, Unilever e Unicredit (senza considerare, naturalmente, lo stesso Amazon) hanno deciso di utilizzare l’offerta AWS sia per motivi economici, come detto precedentemente, sia temporali (per la velocità di gestione dei servizi in cloud).

Si può dire, quindi che Amazon Web Services è un’offerta estremamente veloce, affidabile, economica, prestazionale e che riesce ad ottimizzare perfettamente tutte le risorse online necessarie per la propria azienda. Il titolare che sceglie di affidarsi ad AWS avrà la certezza di non incappare in un rischio e di ottenere, nell’immediato, l’aiuto necessario per migliorare la propria organizzazione aziendale.