Coronavirus, urgono medici, infermieri e OSS
adv

Momenti difficili per tutta l’Area Flegrea. La situazione sanitaria e cosa si sta facendo per stabilizzare la situazione

Per l’Ospedale Santa Maria delle Grazie sono stati giorni memorabili. Il nosocomio facente parte del comprensorio dell’ASL Napoli 2, apre il laboratorio di emodinamica, per consentire  interventi di chirurgia angioplastica, senza dover trasferire i pazienti in altre strutture, dopo averli stabilizzati.

L’ASL Napoli Nord, promuove l’ accettazione di neo medici, in medicina d’urgenza,  grazie ad una graduatoria a seguito di concorso bandito dalla Azienda Sanitaria.

Ne rende merito il responsabile della Direzione Generale Napoli Nord, spiegando di facilitare il potenziamento del sistema sanitario, rafforzandone l’operatività sul Territorio di competenza.

Sono state migliorate le strutture e  l’organizzazione, così da superare i deficit e rispettare i protocolli.

La situazione nell’Area Flegrea

Purtroppo, in questa situazione sanitaria emergenziale, l’ospedale di Napoli 2 Nord, ha riscontrato serie problematiche; qualcosa non ha funzionato e la  situazione, nell’Area Flegrea, si è fatta allarmante.

Si sono riuniti i Sindaci dei vari Comuni limitrofi, cercando di arginare la complessità e far luce sulle responsabilità di quanto accaduto.

Sono stati effettuati tamponi a tutto il comparto sanitario e ai degenti. Una volta  accertati casi positivi, subito si è provveduto alla chiusura al pubblico ed alla sanificazione della struttura.

Quanto è accaduto, all’interno del nosocomio desta preoccupazione in tutta la zona dei Campi Flegrei; purtroppo si sono riscontrati dei focolai, forse alimentati da persone che, recatesi, presso la struttura ospedaliera, in seguito sono venute a contatto con i propri familiari.

Sentiti ringraziamenti 

Sono vicina all’intero Popolo Flegreo: faccio parte di questa comunità anche io, risiedendo in un Comune di questo bellissimo comprensorio.

Sono vicina a tutto il personale sanitario, voglio ringraziarli  uno ad uno, ringrazio i Primi Cittadini, i medici, i nostri infermieri, gli operatori sanitari e tutto il personale che lavora senza sosta. A loro  il mio pensiero di gratitudine e solidarietà.

Momenti di riflessione

Credo sia arrivato il momento di una riflessione assai essenziale; si parla tanto di deterioramento della nostra società.

Io credo, però,  che nulla di questo sia vero;  siamo una grande Comunità e credo fortemente nei miei concittadini. Stanno dimostrando una forte responsabilità.

Mariano Santillo