AR Cut&Paste: l’app che permette di copiare ed incolla la realtà
adv

Copiare ed incollare gli oggetti reali su Photoshop grazie alla applicazione AR Cut&Paste

AR Cut&Paste è un’applicazione di realtà aumentata che permette di “catturare” gli oggetti che si trovano attorno a noi e di “separarli” dallo sfondo. Una volta ripresi con la fotocamera dello smartphone, potranno essere quindi “copiati ed incollati” in altri software, come per esempio Photoshop; in questo modo, è possibile inserire l’oggetto in un documento.

Come si copia ed incolla la realtà?

Il progetto nasce dalla mente dello sviluppatore Cyril Diagne, che ha creato un software che permette di “ritagliare” oggetti dal mondo reale, digitalizzandoli istantaneamente in modo da poterli incollare su un dispositivo connesso. Tutte le risorse sono disponibili su GitHub e successivamente è stato postato su Twitter un video che ne mostra il funzionamento.

Nel filmato, si può vedere lo sviluppatore che inquadra con la fotocamera vari oggetti come una pianta in vaso, un’agenda e un abito. Dopo lo scatto, gli oggetti vengono prontamente ritagliati dalla realtà ed incollati in tempo reale in un documento. Naturalmente, il video è immediatamente diventato virale. A chi non piacerebbe poter fare una cosa del genere senza perdere tempo a ritagliare una foto pixel per pixel!

Invece con AR Cut&Paste la quasi totalità del processo di acquisizione, ritaglio e inserimento avviene con un paio di clic con il dito sul touchscreen, in modo semplice e veloce.

Requisiti per Cut&Paste

Come dimostra la demo postata dallo sviluppatore, l’AR può essere lo strumento perfetto per acquisire rapidamente elementi visivi dal mondo reale e incollarli in documenti digitali. Tuttavia, ci sono dei requisiti di base. L’applicazione funziona con tre moduli indipendenti: la parte mobile, un server locale e il servizio di rimozione dello sfondo. In particolare, il server locale è l’interfaccia di comunicazione tra l’applicazione e Photoshop, l’unico software oggi supportato da AR Cut and Paste. Una volta inquadrato l’oggetto che si vuole copiare, basta incollarlo, rilasciando il dito dall’”otturatore virtuale”. Il software elabora l’immagine, identifica l’oggetto selezionato, ne ritaglia lo sfondo, e la rende disponibile in Photoshop. Il tutto in poco più di 6-7 secondi dallo scatta sul cellulare. Pertanto, è necessario possedere  Photoshop per far funzionare il tutto, anche se si ipotizza che in futuro anche altri programmi potrebbero essere supportati.

Possibilità future

La digitalizzazione automatica del mondo circostante, nonostante sia possibile, è ancora lontana dall’essere definitiva. AR Cut and Paste è la dimostrazione delle grosse potenzialità del settore. Del resto, sarebbe sicuramente intrigante avere un’applicazione che potesse catturare ciò che ci circonda, che si tratti di vestiti, accessori o scarpe, e incollarlo, all’istante, sul nostro corpo live. Meglio ancora sarebbe poter inviare l’oggetto ad una stampante 3d, così da poterne ricreare una copia.

Sfortunatamente, l’applicazione è ancora in fase di sviluppo e potrebbe essere molto diversa dal prototipo mostrato in video. In ogni caso, AR Cut&Paste rimane un delizioso esempio di machine learning e computer vision. Per non parlare dei possibili sviluppi nel campo dell’image editing.