Arabia saudita
Arabia saudita
adv

In Arabia Saudita sono state condannate e giustiziate a morte 37 persone nella giornata del 23 aprile. Almeno una di esse è stata crocifissa.

Pena di morte in Arabia Saudita

Trentasette persone sono state giustiziate nella giornata di oggi in Arabia Saudita. L’accusa, per ognuna di esse, è stata di terrorismo.

Secondo quanto rilasciato dalla Saudi Press Agency, tutti i condannati a morte erano cittadini sauditi.

“La pena di morte è stata comminata ad alcuni criminali per aver adottato ideologie estremiste terroristiche, per aver formato cellule terroristiche e per aver messo a repentaglio la sicurezza oltre che per aver cercato di spargere il caos e provocare conflitti ideologici” ha fatto sapere l’agenzia saudita.

La decisione

Sono stati i tribunali di Medina, Qassim, di Mecca e della Provincia Orientale, base della minoranza sciita del paese, a decidere le sorti dei 37 cittadini condannati.

“Aver adottato pensieri estremisti”, “aver appoggiato il terrorismo e formato cellule per colpire e destabilizzare il Paese” sono state le parole pronunciate per motivare la pena capitale.

La pena capitale è la condanna per le persone che, in Arabia Saudita, si macchiano di reati di terrorismo, omicidio, stupro, rapina a mano armata e traffico di droga.

I numeri della pena capitale in Arabia Saudita

Secondo Amnesty International, nel 2018 sono state 149 le persone cui è stata eseguita la pena capitale. Di tutti i paesi che utilizzano questa tipologia di condanna, solo l’Iran ha avuto più condanne nel corso dello scorso anno.

Ad oggi, da inizio 2019, le persone giustiziate nello stato saudita sono più di cento stando solo ai dati ufficiali rilasciati.

La crocifissione

Salta all’occhio la crocifissione di una delle persone condannate a morte. Stando a quanto si apprende dalle note dell’agenzia di stampa, infatti, questa tipologia di punizione post-esecuzione è riservata ai reati particolarmente gravi, lasciando supporre che il condannato fosse in una posizione di comando all’interno delle cellule terroristiche.