Centro Minerva di Ariano Irpino
adv

Dopo 38 giorni di passione Ariano Irpino da oggi, 23 aprile, non è più zona rossa 

Era il 15 marzo del 2020 quando, Vincenzo De Luca, Governatore della Regione Campania, decise di rendere zona rossa alcuni comuni campani, tramite ordinanze specifiche. Tra i comuni coinvolti nella vicenda troviamo la città di Ariano Irpino (Provincia di Avellino).

Queste decisione, difficile, fu presa per cercare di porre un freno al dilagare del Covid-19.

Giorni difficili per Ariano Irpino 

Questo ultimo periodo è stato molto difficile per il comune avellinese, ma è stato dimostrato (ancora una volta) il coraggio e lo spirito di abnegazione della sua popolazione. 

Ci sono state, è vero, 21 vittime e 151 persone contagiate con i due focolai rappresentati dal Centro Minerva e dal Presidio Ospedaliero Sant’Ottone Frangipane

Dopo 38 giorni possiamo dire che 20mila mascherine sono già state distribuite grazie a 15 squadre di volontari e alla generosità anche di privati (come l’Associazione Giano Melchisedek presieduta da Luigi Carfora). Inoltre 3 unità mobili dell’Asl stanno continuando ad effettuare i test a domicilio. 

Il commento sulla vicenda dell’Ingegner Antonio Memoli 

Abbiamo sentito a telefono l’Ingegner Antonio Memoli, Responsabile della sede della PSB Srl di Ariano Irpino, per un commento su questa notizia. 

Ecco le sue parole: “Da un lato siamo felici per la fine della quarantena cittadina dall’altro lato, però, siamo molto preoccupati per la prossima fase 2. Non sappiamo ancora come comportarci all’esterno delle nostre abitazioni. 

Attualmente c’è uno sbandamento nella comunità e nel mondo imprenditoriale circa l’eventuale prossima riapertura. Noi tutti, comunque, cercheremo di fare tutto il possibile per far ripartire la nostra comunità”. 

Siamo sicuri che la comunità arianese, tutta insieme, ce la farà a superare anche questa situazione così complessa e difficile.

Stefano Popolo