Incendio Aspromonte
adv

I carabinieri hanno arrestato un uomo di 53 anni mentre stava appiccando un incendio nel Parco dell’Aspromonte

Un 53enne è stato colto, questa mattina (1° ottobre), in flagranza di reato mentre stava appiccando un incendio all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Ad attuare l’arresto sono stati i carabinieri forestali di Condofuri, comune italiano della città metropolitana di Reggio Calabria.

Incendio sull’Aspromonte

Il terribile danno ambientale è avvenuto, precisamente, nella località conosciuta come Grecia. L’arrestato si chiama Giuseppe Nocera e sembra che sia già noto alle forze dell’ordine.

I carabinieri forestali, che hanno operato l’arresto, provengono dalla stazione Parco di Bagaladi e da Melito Porto Salvo. Durante la perquisizione, è stato ritrovato su Nocera un accendino perfettamente funzionante.

Incendio domato

All’incirca un ettaro e mezzo di macchia mediterranea è stata interamente distrutto da questo terrificante incendio che, per fortuna, è stato domato grazie al pronto intervento del SAB (Servizio Antincendio Boschivo).

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.