Potenziale impatto di un'asteroide sulla Terra
adv

 

Rischio di impatto dell’asteroide improbabile, ma non impossibile. Lo dice l’Agenzia Spaziale Europea

L’asteroide 2006 QV89, dal diametro di circa 30 metri, orbiterà nella traiettoria della Terra per metà settembre 2019. Nessuna forma di allarmismo è stata ancora divulgata, nonostante la notizia stia facendo il giro del mondo. Al momento, il corpo celeste si trova a circa 4,2 milioni di miglia di distanza dal nostro pianeta, ma lo spazio potrebbe ridursi vertiginosamente per la data prevista. L’ESA (Agenzia Spaziale Europea), nel diramare ufficialmente la notizia, ha deciso di diffondere quelli che sembrerebbero essere i maggiori pericoli in ordine numerico di gravità, relegando Asteroid 2006 QV89 al quarto posto della lista.

 

Agenzia spaziale

Per fare chiarezza

Ciò che bisogna sapere in merito agli asteroidi è che essi presentano una composizione di base rocciosa o metallica e la loro forma, generalmente non sferica, supera raramente i 1000 m di diametro. Il sistema solare comprende più di 600 mila asteroidi. Questi si  concentrano maggiormente fra l’orbita di Marte e quella di Giove, e le minacce d’impatto con i vari pianeti, tra cui la Terra per l’appunto, sono molto frequenti. Nella maggior parte dei casi, episodi di questo tipo si concludono con un mero avvicinamento senza particolari conseguenze. L’impatto con l’atmosfera contribuisce a bruciare gli asteroidi dalle dimensioni più piccole, generando frammenti di una scia luminosa che prende il nome di meteora. Quando invece questi sopravvivono all’impatto con l’atmosfera, le parti che raggiungono la superficie terrestre vengono definite meteoriti.

Asteroide

La Terra è davvero in pericolo?

Annunci di potenziali collisioni, sulla stregua dei grandi film ad alta tensione, causano sempre molto scalpore tra la gente comune. Per evitare qualsiasi inconveniente, le agenzie spaziali mondiali monitorano costantemente le orbite degli asteroidi, considerati da sempre le principali minacce per il pianeta. Nel caso di Asteroid 2006 QV89, scoperto nell’agosto del 2006 dal Catalina Sky Survey, si stima una probabilità di impatto non superiore allo 0.13%. Parametro, questo, che non sembrerebbe destare particolare preoccupazione al momento, stando alle dichiarazioni ufficiali. Per aggiornamenti più precisi sulla sua rotta, non ci resta che aspettare ancora qualche mese.