Atari: dopo due anni di attesa la nuova console è pronta
adv

Tra vintage e moderno, lo stile della nuova Atari

In linea con l’operazione nostalgia che ha coinvolto videogiochi e Polaroid, questo mese uscirà la nuova Atari Vcs. 

Nuovo e vecchio

Nonostante l’aspetto esterno sia quello di sempre, l’hardware è moderno. La nuova Atari Vcs debutterà in questo mese per stupire gli amanti della console videoludica.

L’idea di riportare sul mercato una nuova Atari è nata circa due anni fa da un progetto di crowdfunding. Con il tempo, molti dei 11.597 finanziatori del progetto Atari Vcs stavano perdendo le speranze di mettere mano alla console dal design e respiro vintage, ma dall’hardware moderno. Finalmente, dopo due anni di attesa c’è stato il debutto trionfale e l’annuncio che, sì, si sarebbe prodotta questa chicca un pò nostalgica. Infatti, a metà di giugno di quest’anno saranno consegnate le prime 500 unità.

La nascita della nuova Atari

Il nome iniziale doveva essere Atari Box ed il progetto è nato nel giugno 2017 poi, con il tempo, è stato modificato fino ad arrivare ad Atari Vcs è stata disegnata apposta per ricordare a un primo veloce sguardo la mitologica Atari 2600 che quasi 40 anni fa ha scritto la storia dei videogiochi. A completare il tutto, ci sarà anche l’iconico controller ispirato al joystick Cx40 con tasto rosso e levetta (che in passato ha creato calli nei palmi delle mani dei gamers) accostato ad uno dallo stile più moderno.

Dopo un periodo di transizione per avviare il crowdfunding, a maggio del 2018 sono iniziati i pre-ordini del dispositivo. Sul sito ufficiale, l’Atari viene presentato come un ibrido tra un computer e una console, in grado di reggere non soltanto titoli in modo tradizionale, ma anche in streaming assieme a contenuti multimediali non prettamente ludici. Dopo la prima tranche di 500 unità, si spera che gradualmente saranno consegnate le altre console prenotate. I prezzi partono da 389,99 dollari per il bundle con controller, pari a circa 350 euro.

I titoli di punta

Atari Vcs riporterà in vita un buon numero di giochi vintage grazie all’accordo con il catalogo di Antstream per un totale di circa 300 titoli presi dal passato storico della casa videoludica, più diverse centinaia di altri titoli da altre piattaforme come N64 o Neo Geo.

Caratteristiche

Il sistema operativo è chiamato Atari World ed è basato su Linux e ci sarà una modalità Sandbox per installare qualsiasi OS.La scheda tecnica dovrebbe includere un processore fornito da Amd (Ryzen R1606g del 2019) e grafica Radeon, porte hdmi, usb 3.0 e ethernet, così come una slot per schede SD. Inoltre, sarà supportata anche la connessione al web senza fili e il bluetooth. La grafica dovrebbe avere una qualità massima di 4k a 60 fps.

Avatar
Nata a Napoli nel 1993, Federica Amodio è laureata magistrale in Scienze e Tecnologie Genetiche presso il centro di ricerche genetiche BIOGEM 110 con lode. La sua tesi di laurea, verte sui meccanismi di regolazione del gene Zscan4 da parte dell’acido retinoico nelle cellule staminali embrionali murine. L’espressione di questi geni regolano le prime fasi per lo sviluppo degli embrioni. Per lungo tempo ha collaborato con il centro per una pubblicazione scientifica inerente al suo progetto di tesi.