adv

L’audio in 8D è un’esperienza musicale tutta da provare con le cuffie. Promette la sensazione avvolgente della musica, ma cos’è?

Negli ultimi tempi si sta diffondendo un nuovo modo di ascoltare la musica su WhatsApp e su altri canali digitali.

Solitamente il video è accompagnato da un messaggio che promette un’esperienza tale da lasciare a bocca aperta.

Audio in 8D: scopriamo di cosa si tratta

La nuova tecnologia viene identificata con il nome di Audio in 8D, la nuova musica del Pentatonix, apprezzabile solo attraverso le cuffie.

La promessa è che per la prima volta si ascolterà la musica con il cervello e non solo più con le orecchie, grazie ad una tecnica che utilizza effetti audio intensi, tale da dare la sensazione che il suono provenga intorno a noi, conferendo un maggior senso di spaziosità alla musica.

I metodi combinati sono diversi e messi insieme danno vita al suono in 8D che inducono il cervello a percepire il suono come preveniente da un’altra parte nello spazio 3D.

L’ascoltatore si troverà al centro della musica, quindi crederà che l’audio provenga da davanti o da dietro ma anche da qualche parte all’esterno delle orecchie.

La sensazione si fa ancora più forte quando si percepisce il suono passare da un orecchio alla ad un altro, questo effetto è molto intenso poiché dà la sensazione che il suono stia seguendo le orecchie.

Audio in 8D: il nome non proprio corretto

Per quanto riguarda il nome, è chiaro che il suo non è realmente in 8D, quindi sarebbe più opportuno descriverlo come suono in 3D, un avanzamento rispetto alla tecnologia in 2D a cui siamo abituati.

Esistono diversi esempi, alcuni di questi si sono diffusi tramite WhatsApp e altri video presi da YouTube.

Molte canzoni sono state modificate grazie ad una tecnologia simile per dare questo effetto di tridimensionalità. Si possono trovare anche brani di artisti famosi come Billie Eilish sono disponibili con effetti simili.

Una tecnica già nota!

Tuttavia l’effetto non è propriamente nuovo, infatti una cosa del genere è accaduta all’incirca 10 anni fa con il “Barbershop Virtual” in cui vennero usati effetti simili per dare la sensazione che le persone si stiano muovendo intorno alla testa.

In tantissimi, invece, hanno dichiarato che l’effetto è molto simile ad una tecnica usata per i video ASMR, dove il piacevole effetto di un suono che passa da un orecchio all’altro era piuttosto diffuso.

Infatti, molti dei video ASMR sono registrati utilizzando microfoni binaurali che simulano la testa umana, di conseguenza è possibile ascoltare i suoni come se passassero da un lato all’altro della testa.

Non vi resta che provare!