adv

Nota Redazionale: “Solo uniti si vince non è solo uno slogan ma un’azione congiunta per tenere vivo il tessuto economico di Napoli e della sua provincia attraverso una sintonia di azioni che vede in prima fila la Banca di Credito Cooperativo di Napoli e Confcommercio”.

Così il presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli Amedeo Manzo, Pasquale Russo e Carla Della Corte, direttore generale e vicepresidente di Confcommercio Napoli che hanno siglato un’intesa che potrà essere determinante per l’economia napoletana.
Banca e imprese del commercio,dei servizi, del trasporto,del food insieme hanno identificato una modalità immediata per essere al fianco delle aziende che hanno necessità di liquidità utilizzando il cosiddetto “Cura Italia”.
“La difficoltà come sempre è quella di passare da una fase teorica a quella pratica ovvero di far arrivare il denaro nelle tasche degli imprenditori affinché riescano a resistere a questa fase di crisi e a rilanciare evitando anche una disoccupazione che in questo momento potrebbe essere drammatica per l’Italia e in particolare per il Mezzogiorno.
La Banca di Credito Cooperativo di Napoli , in sintonia con la propria visione di ‘credito umanistico’ dove efficienza e dialogo sono frutti dello stesso albero, ha attivato tutte le proprie competenze derivanti dall’aver messo in campo negli anni il cosiddetto “rating umano” e ha così reso concreto un percorso che consente in tempi velocissimi (10 giorni lavorativi) di attivare le richieste di accesso ai finanziamenti da parte delle imprese, ha selezionato i testi dei decreti legge, ha organizzato la modulistica necessaria a presentare le richieste di accesso ai finanziamenti.
Il tutto attraverso una sezione dedicata all’emergenza Covid-19 sul proprio sito Internet www.bccnapoli.it e con un indirizzo di posta elettronica e personale dedicato. Attraverso questo cosiddetto percorso protetto si riuscirà a dare soddisfazione alle tante imprese aderenti a Confcommercio che oggi hanno la necessità di iniettare nuova liquidità nella loro propria impresa per potersi preparare adeguatamente alla cosiddetta fase due.
” Ha spiegato il presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli Amedeo Manzo. La Bcc assicurerà dunque agli associati di Confcommercio, nel rispetto dei limiti e delle regole che lo consentono, una linea immediata di 25 mila euro a tassi agevolati (1,90%) a medio termine fino a 72 mesi con ben 24 di preammortamento per commercianti, artigiani e piccoli imprenditori.
“Abbiamo pensato di essere vicini alla città per gli effetti economici devastanti che nei giorni scorsi hanno prodotto riduzioni di incassi e che oggi sono in molti casi chiusure delle attività che speriamo siano solo temporanee.
Dobbiamo essere attivi immediatamente perché dobbiamo prepararci sin d’ora al futuro prossimo. Così come in campo sanitario si stanno facendo grandi sacrifici oggi per star bene al più presto, altrettanto in campo economico non dobbiamo subire passivamente la crisi ma attrezzarci per avere gli strumenti adeguati a far ripartire la nostra economia.
E così, insieme a tutto ciò che devono fare le istituzioni come la sospensione di tasse e contributi, i mutui e gli affitti, noi abbiamo inteso costruire un percorso insieme alla BCC NAPOLI per sostenere le imprese del nostro sistema che rappresentano una parte rilevante del PIL e degli occupati di Napoli”, hanno dichiarato Pasquale Russo e Carla Della Corte, direttore generale e vicepresidente di Confcommercio Napoli.
Lucia De Martino