adv

L’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence intende evidenziare il valore strategico che le metodologie di Business Intelligence e Big Data Analytics svolgono nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione, ponendo in luce i potenziali vantaggi relativi alla competitività, alla redditività, alla tempestività e all’aumento di efficacia nei processi decisionali. L’Osservatorio in particolare intende costituire un punto di riferimento permanente per i decision maker affinché possano sfruttare il potenziale innovativo dei Big Data Analytics e della Business Intelligence.

La Ricerca ha individuato circa 350 startup operanti nell’ambito dei Big Data Analytics e la Business Intelligence (BDA & BI) e finanziate da investitori istituzionali negli ultimi due anni.

Le tipologie di Startup sono identificate in base al cliente a cui si rivolgono. Infatti l’88% delle startup analizzate hanno come clienti aziende e organizzazioni (B2B) che usufruiscono dei sistemi di BDA&BI per migliorare le performance del proprio business o quantomeno per valorizzare i dati a disposizione al loro interno; il restante 12%, invece, dedica la propria offerta al consumatore finale (B2C).

Dalla ricerca si evince che il 52% delle soluzioni offerte dalle Startup gestiscono e/o analizzano dati interni all’azienda, il 23% sfrutta anche dati provenienti dall’esterno dell’azienda e il restante 25% integra le fonti dati interne con quelle esterne.

Per quanto riguarda la tipologia di sistema, lo studio ha evidenziato che circa il 63% delle Startup offre soluzioni di Performance Management & Basics Analytics, mentre il 37% offre anche funzionalità di Advanced Analytics.

L’Osservatorio, all’interno della Ricerca 2017, si è proposto di:

  • stimare il valore del mercato Analytics;
  • stimare lo stato di diffusione delle soluzioni di Big Data & Business Intelligence;
  • analizzare i principali modelli organizzativi adottati nella gestione dei Big Data;
  • valutare la diffusione e l’evoluzione delle competenze richieste per la gestione della Data Science;
  • identificare modelli e tecnologie per sviluppare progettualità in diversi settori e ambiti applicativi;
  • indagare le applicazioni in specifici settori e processi aziendali, identificando i casi di successo;
  • analizzare il posizionamento delle organizzazioni all’interno di una “Big Data Journey”

La Ricerca dell’Osservatorio si basa su un’analisi empirica che, attraverso survey e studi di caso, coinvolge ogni anno oltre 800 attori, tra cui Responsabili dei Sistemi Informativi, Responsabili Digital e Innovation, Responsabili degli Analytics e Executive di linee di business, di organizzazioni e Pubbliche Amministrazioni operanti in Italia e referenti di aziende operanti nell’ambito dell’offerta.

Tenendo conto invece del target di riferimento a cui la specifica applicazione di Analytics si rivolge si possono identificare differenti tipologie. Alcune startup, per esempio, che offrono strumenti utili al Marketing (23%) e che sempre più integrano funzionalità Social. (Click Tale, CANDDi, Clikfox e Demandbase).

Oppure ancora startup per il monitoraggio dati/performance (13%); rientrano in questa categoria tutte quelle startup che offrono soluzioni che permettono la raccolta di dati provenienti da una determinata fonte, l’analisi e la redazione automatica di un report (MongoDB, Skyera e GoodData).

Poi ci sono startup che offrono soluzioni all’IT (13%) per individuare e analizzare le relazioni esistenti all’interno di un sistema IT (Netskope e App Annie). Inoltre troviamo startup che offrono soluzioni per il customer management (12%), che permettono di monitorare e analizzare il comportamento degli utenti (On The Spot Systems, Retail Next e Opinion Lab).  Per alcune imprese ci sono startup che offrono soluzioni per il monitoraggio delle performance aziendali e di business (9%) con lo scopo di supportare i processi di pianificazione e le decisioni (Appdynamics e Domo). Attualmente in Italia sono 25 le startup operanti in ambito Big Data Analytics e Business Intelligence che hanno ottenuto finanziamenti da VC, Investment Company e Incubatori negli ultimi due anni.

Dall’analisi emerge come le startup che abilitano servizi di Big Data Analytics e Business Intelligence operano in campi molto diversi tra loro. I trend più significativi che stanno influenzando le startup nascenti sono l’attenzione all’integrazione dei dati interni con quelli Social e le tecnologie mobile e cloud.