Bambina
adv

Dapprima scomparsa e poi ritrovata priva di vita; arrestata donna 25enne accusata del rapimento. La bimba doveva essere venduta

 

È accaduto in America, più precisamente in Pennsylvania. Una bambina di appena 2 anni, scomparsa da qualche giorno dall’Indiana County,  è stata trovata senza vita dagli agenti di polizia, nella giornata di martedì. A rapirla sarebbe stata una giovane donna, legata sentimentalmente al padre della piccola.

Polizia Americana

Una prima ricostruzione

Da una prima ricostruzione dei fatti, al momento del rapimento, pare che la piccola Nalani si trovasse a bordo di un auto in compagnia del padre, Paul Johnson, un amico di famiglia Justin Rouse e la donna Sherena Nancy, al volante dell’autovettura. Secondo quanto dichiarato da Johnson, una volta sceso dall’auto, la donna sarebbe sfrecciata via con la bambina. Egli avrebbe, altresì, identificato la donna come il guidatore di Uber che gli aveva dato un passaggio, ammettendo dunque di non conoscerla. Ma la polizia ha reso noto che i due fossero in una “relazione romantica intermittente” e dunque l’uomo avrebbe mentito.

Rapita per essere venduta

In un secondo momento, Johnson ha ritrattato le sue dichiarazioni, comunicando alla polizia che in realtà la donna avrebbe portato via la bambina in seguito a una discussione. Dopo aver arrestato Sherena Nancy, le forze dell’ordine della contea hanno interrogato la donna, la quale avrebbe ammesso di aver portato via la bambina che, in realtà, doveva essere venduta per volere del padre, per una cifra pari a 10 mila dollari. Le accuse a suo carico sono: rapimento di minori, interferenze con la custodia di minori e occultamento di prove. Solo in seguito ai risultati degli autoptici sul corpicino di Nalani potranno essere accertate le cause della sua morte.