BLSD
adv

Il primo soccorso può essere realmente fondamentale per salvare vite umane e il BLSD ne è parte integrante

Gli attacchi cardiaci possono risultare mortali in molti casi se non c’è un adeguato primo soccorso. La BLS è la competenza base che comprende tutte le diverse tipologie di manovre per la rianimazione cardiopolmonare.

Il BLSD (Basic Life Support with Defibrillation), in italiano Supporto di Base delle Funzioni Vitali con Defibrillatore, opera proprio in questo campo: rianimare il cuore.

Quest’ultimo strumento è da utilizzare insieme alla rianimazione cardiopolmonare. Ma chi lo può utilizzare?

BLSD

Soccorrere i soggetti colpiti da attacco cardiaco tramite questa strumentazione non è per tutti.  rianimazione cardiopolmonare e la defibrillazione. Lo possono utilizzare infermieri, medici, membri della Protezione Civile, operatori di dipartimenti di emergenza-urgenza intra o extra ospedaliera o a chi semplicemente vuole essere pronto ad assistere, in caso di evenienza, la vittima fino all’arrivo del 118.

Il defibrillatore

L’utilizzo del defibrillatore consente in tempi rapidi e semplici l’applicazione delle diverse tecniche di rianimazione cardiaca nei casi nei quali il cuore subisce un arresto improvviso. Queste diverse tecniche si cercherà di evitare che il malato possa subire un danno anossico – celebrale.

I defibrillatori semiautomatici, a differenza del normale BLSD, possono essere utilizzati anche da personale non specializzato in ambito sanitario, grazie al fatto che queste apparecchiature valutano, in maniera automatica, se sia necessario, o meno, la somministrazione di una scossa alla persona incidentata.

Come agire?

La sopravvivenza del malato è strettamente correlata all’esecuzione ordinata di una serie di interventi. La giusta sequenza delle azioni da intraprendere è fondamentale perché se una delle fasi di soccorso è carente o assente, le possibilità di sopravvivenza della vittima saranno fortemente ridotte.

La sequenza corretta:

Contattare, tramite il numero 118, il sistema sanitario italiano;

Iniziare le procedure per supportare le funzioni vitali;

Utilizzo del defibrillatore tramite una squadra medica che sia in grado di praticare la defibrillazione;

Inizio precoce del trattamento intensivo (da parte di personale medico e infermieristico adeguatamente formato).

Vi sono enti di formazione che prodigano corsi ad hoc per insegnare il corretto utilizzo del BLSD. Vi consigliamo, tra i vari, la PSB Srl e ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.