Blub: Salvador Dali
Blub: Salvador Dali
adv

L’arte sa nuotare è il titolo dell’esposizione dedicata a Blub al MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli), street artist di Firenze, le cui opere affrescano mura ed edifici di mezzo mondo

Il MANN è la cornice perfetta per ospitare le opere di Blub, lo street artist di Firenze noto in tutto il mondo per i suoi capolavori divenuti un Must dell’arte contemporanea.

La mostra si tiene nella Sala del Plastico di Pompei: i quadri di Blub sono abilmente messi in comunicazione con le opere dell’antichità classica. L’artista ha inoltre collocato installazioni mobili su diverse sculture del Museo concedendone una personale interpretazione.

L’arte sa nuotare

I dipinti di Blub esposti al MANN ritraggono personaggi iconici del mondo dell’arte e della storia dell’uomo, completamente immersi nell’acqua. L’elemento naturale li rende leggeri, sospesi in un dolce “per sempre”. Con l’acqua Blub li relega nell’infinito e, allo stesso tempo, li dissacra, ponendogli sul volto maschere da sub, a conferire modernità e una maggiore intimità con lo spettatore comune.

Carlo Terzo di Borbone

L’artista omaggia Carlo Terzo di Borbone, sovrano illuminato che promosse l’esplorazione delle terre vesuviane sommerse dalla lava, restituendo al mondo cimeli di inestimabile valore. Il re, inoltre, curò la realizzazione di un Museo Farnesiano, donando opere prese direttamente dalle sue collezioni private.

Blub: Carlo III di Borbone
Blub: Carlo III di Borbone

Terenzio Neo e la moglie

L’acqua è in diretta comunicazione con lo sfondo dell’opera (uno sportello arrugginito). L’elemento sembra donare nuova vita al dipinto. La rappresentazione dei 2 iconici pompeiani, ne narra la storia. Il fondale di ruggine, di terra, riporta alle umili origini di Terenzio.

L’antico abitante di Pompei scala i gradini dell’alta società: da modesto panettiere, diviene un ricco mercante, restituendo dignità alla sua famiglia. Terenzio è dipinto con in mano un papiro, simbolo di attività pubbliche e culturali; la moglie, invece, stringe la stilo e una tavoletta cerata, contrassegno di attività burocratiche e di amministrazione della casa.

Blub: Terenzio Neo e la moglie
Blub: Terenzio Neo e la moglie

In tutti i ritratti di Blub c’è una costante comunicazione tra la materia su cui si erge il dipinto e la diretta rappresentazione. Così il destino di morte di Icaro sembra segnato dallo scenario incendiato alle sue spalle; o ancora, gli anni terribili di fuga dalle guerre descritti nei colori della poetessa SAPPHO, la cui immortalità dei versi si staglia sul fondo dell’acqua.

Blub rappresenta l’essenza della Street Art. Tramite i suoi capolavori, l’artista riesce e valorizzare territori ormai dimenticati, materiali destinati al disuso, al degrado. La sua arte è povera, ma è ricca di valori, di lotte sociali, di nuove, di pure, visioni del mondo.