adv

Per rilanciare il turismo in Italia, il Governo ha deciso di realizzare un bonus ad hoc, il Bonus Vacanze

Le vacanze estive si avvicinano e il Governo ha deciso di sostenere finanziariamente l’importante comparto del Turismo, uno degli assi portanti della nostra economia.

La quarantena e l’Arte

Il periodo di lockdown, dovuto al contenimento del Covid-19, ha comportato un blocco di tre mesi di tutte le attività “fisiche” legate al comportamento turistico. 

Soltanto tramite il mondo virtuale è stato possibile visitare musei, parchi archeologici e luoghi d’arte

Con la Fase 2 e 3 è arrivato il momento di tornare a visitare i nostri tesori artistici. Con un bonus ad hoc sarà presto possibile. 

Bonus Vacanze

Nel Decreto Rilancio è stato previsto il Bonus Vacanze (articolo 176), utilizzabile entro breve. L’Agenzia delle Entrate ha realizzato un vademecum, scaricabile tramite questo link, per informare i cittadini su tutto ciò che concerne l’importante materia. 

Come lo si può utilizzare?

Questa agevolazione è utilizzabile esclusivamente sul territorio nazionale, per pagare servizi offerti da imprese turistico ricettive (inclusi agriturismi e B&B). 

A chi è rivolto? 

Possono usufruire del Bonus Vacanze i nuclei familiari che presentino un ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ordinario non superiore a 40.000 euro annui. 

Per nuclei di una sola persona il massimo sarà di 150 euro; per nuclei formati da 2 persone la quota prevista massima sarà di 300 euro. 

Per famiglie composte da 3 o più persone il massimo previsto è di 500 euro. 

Come richiedere il bonus?

Per richiedere il bonus il richiedente dovrà utilizzare IO, applicazione di vari servizi pubblici. Il cittadino potrà richiedere il bonus dal 1° luglio e fino al 31 dicembre. 

Una misura, pensata, dunque con un doppio scopo: far ripartire il compartimento turistico e permettere agli italiani di visitare e conoscere il Proprio Paese a costi contenuti.