California, forte terremoto di magnitudo 7.1
adv

Paura e sgomento in California dove si è registrata una fortissima scossa di terremoto, 7.1 della scala Richter 

Fortissima scossa, di magnitudo 7.1, nel sud della California.
La terra è tornata nuovamente a tremare, a sole 48 ore dal sisma che giovedì ha preoccupato la popolazione, quello con magnitudo 6.4.
Orario locale 20:19, le 5:19 italiane, la profondità è stata attestata a soli 900 metri sottosuolo.
Tutte le informazioni a riguardo sono state divulgate e confermate dall’Usgs: Istituto geofisico americano.
L’epicentro è stato individuato nei pressi di Ridgecrest, 240 km circa da Los Angeles.
Epicentro uguale a quello di giovedì scorso.

Il terremoto di oggi, percepito addirittura in Messico, è il più forte registrato nello stato da 25 anni a questa parte.
Le scosse di assestamento sono state tantissime, alcune anche oltre i 5 gradi di magnitudo.
Alcuni feriti, non gravi, tante case hanno preso fuoco a causa di varie fughe di gas all’interno, vicine all’epicentro.
Continuo l’intervento dei vigili del fuoco, scuole chiuse e strade danneggiate, a completare i disagi portati dal sisma.

Stato di emergenza

Gavin Newsom, governatore della California, ha dichiarato lo stato di emergenza.
Il governatore ha anche fatto richiesta a Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d’America, di dichiarare lo stato di emergenza nazionale, affinché possano giungere più velocemente aiuti e soccorsi.
Mark Ghillarducci, direttore dei servizi di sicurezza della California, ha affermato che l’esatta entità dei danni potrà essere resa nota solo dopo l’alba.

La paura del Big One

Il Big One, come viene definito negli States, è la possibilità che (entro/attorno il 2035) lo scontro delle due faglie: quella di San Andreas e quella di San Jacinto, possano impattare.
Inutile specificare che potrebbe venire a crearsi uno dei terremoti più devastanti della storia, anche sopra i 10 gradi.
“Se un terremoto del genere dovesse ripetersi oggi le conseguenze sarebbero devastanti, perché la faglia di San Jacinto attraversa numerose città e l’amplificazione del fenomeno sarebbe catastrofica”.
Queste le dichiarazioni di uno degli studiosi della California State University di Northridge.