Carabinieri colpiscono duramente la Camorra
adv

In queste ore è in corso un’operazione, organizzata dai Carabinieri, per decapitare i vertici di alcuni clan della Camorra

Il Raggruppamento Speciale Operativo (Ros) e il Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli sta svolgendo, in queste ore, una vasta operazione al fine di decapitare i vertici criminali di diversi clan della Camorra.

Duro colpo inferto alla Camorra

Il Gip (Giudice per le indagini preliminari) di Napoli, dietro richiesta della Procura, ha emesso più di 100 provvedimenti cautelari nei confronti di appartenenti ai clan Contini, Licciardi e Mallardo.

Oltre ai carabinieri, le operazioni sono state svolte dalla Guardia di Finanza (che ha sequestrato un consistente patrimonio), dalla DIA (Direzione Investigativa Antimafia) e dalla Polizia di Stato.

I tre clan della Camorra colpiti

I Contini, i Licciardi e i Mallardo avevano creato le basi del loro potere criminale alla fine degli anni ’80, grazie ai boss Francesco Mallardo (Ciccio ‘e Carlantonio), Gennaro Licciardi (a scigna) e Edoardo Contini (‘o Romano).

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.