Industria 4.0
premio “ Campania Digital Innovation Hub ”
adv

Nei giorni scorsi, presso la sede dell’Unione Industriali di Napoli, è stato presentato il premio “ Campania Digital Innovation Hub ”. Lo scopo della manifestazione è quello di incentivare e sostenere le imprese che investono nell’innovazione e sulle tecnologie dell’industria 4.0

Cosa sono i Digital Innovation Hub?

Il Digital Innovation Hub è un associazione senza scopo di lucro che ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo tecnologico per colmare il divario esistente tra il bisogno di digitalizzazione delle imprese e le soluzioni tecnologiche attuabili. In altre parole questi Hub sono degli incubatori di idee e di progetti, coordinati da Confindustria per offrire alle imprese una guida e un supporto nel processo di digitalizzazione e innovazione tecnologica previsto nel Piano di Impresa 4.0. Sono dislocati su tutto il territorio nazionale ed ognuno di essi lavora a stretto contatto con le aziende locali. Nello specifico “Campania Digital Innovation Hub”, nasce nel 2017, dalla collaborazione di Associazioni Territoriali Campane di Confindustria e dall’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) Campania e fa parte della rete nazionale degli Hub di Confindustria.

La manifestazione

Lo scorso 5 ottobre, presso la Sede dell’Unione Industriali di Napoli, a Piazza dei Martiri, si è tenuta un importante manifestazione organizzata, per l’appunto, dal DIH campano ed alla quale hanno partecipato numerosi personaggi di spicco del mondo industriale, imprenditoriale e giornalistico. Durante l’evento è stato presentato il premio “Campania Digital Innovation Hub”, costituito allo scopo di incentivare le attività imprenditoriali innovative e le aziende che investono sulle tecnologie dell’Industria 4.0. Tra i sostenitori del premio ci sono due importanti aziende: Tim e Wind-Tre, i rispettivi rappresentanti, intervenuti all’evento, dott. Antonio Palumbo e l’ing. Paolo Malato. Entrambi concordano nel ritenere che lo sviluppo tecnologico sia fondamentale per lo sviluppo dell’attività imprenditoriale.

Il premio “Campania Digital Innovation Hub” servirà a finanziare le idee e/o i progetti innovativi in fase di lancio sul mercato o in uno stato di sviluppo avanzato delle Piccole e Medie Imprese, delle Start Up ed dei Promotori d’Impresa. Il premio complessivo di 120mila euro sarà ripartito tra i vincitori nelle tre diverse categorie: Nuove idee imprenditoriali Industria 4.0; Innovazione di prodotto nell’Industria 4.0; Innovazione di processo nell’Industria 4.0. I tre vincitori saranno premiati con un contributo di 40mila euro ciascuno.

Saranno ammessi esclusivamente i progetti riguardanti le cd. Tecnologie abilitanti del piano Impresa 4.0 ed in particolare:

  • Robotica Avanzata e Collaborativa: Robot collaborativi interconnessi e rapidamente programmabili;
  • Manifattura additiva o Stampa Digitale: Stampanti in 3D connesse a software di sviluppo digitali;
  • Realtà virtuale e Realtà aumentata: Realtà aumentata a supporto dei processi produttivi;
  • Simulazioni: Simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi;
  • Integrazione Orizzontale e Verticale: Integrazione delle informazioni lungo la catena del valore dal fornitore al consumatore;
  • Internet Industriale: Comunicazione multidirezionale tra processi produttivi e i diversi prodotti;
  • Cloud e fog computing: Gestione di elevate quantità di dati su sistemi aperti;
  • Cyber Security: Sicurezza informatica durante le operazioni in rete e su sistemi aperti;
  • Big Data e Analisi dei Dati: Analisi di un’ampia base dati per ottimizzare prodotti e processi produttivi.

I progetti dovranno essere presentati, esclusivamente on line accendendo all’apposita piattaforma, entro e non oltre il 14 dicembre 2018.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito www.campaniadih.it

Per conoscere meglio le diverse branche dell’Industria 4.0 o volete seguirne i corsi vi rimandiamo per maggiori informazioni ai seguenti siti: http://www.infoares.it/https://www.psbsrl.it/lavoro/

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.