Carabiniere ucciso
Un carabiniere è stato ucciso dopo una sparatoria vicino Foggia
adv

Momenti di panico a Cagnano Varano vicino Foggia, dove un carabiniere è stato ucciso dopo una sparatoria

Il carabiniere era in auto a Cagnano Varano, nei pressi di Foggia, al momento dell’agguato in cui è rimasto ucciso.

Sembrava tutto tranquillo. Poi all’improvviso si sono sentiti gli spari e il panico della gente si è manifestato nelle strade del paese pugliese.

Sul posto è giunta subito un’ambulanza che ha trasportato il carabiniere all’ospedale, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Ci sono ancora pochi dettagli al momento. Il carabiniere ucciso dovrebbe essere un uomo di 45 anni vice comandante della Stazione dell’Arma. L’assalitore, di cui non si conoscono ancora le generalità, sarebbe stato arrestato e portato in caserma.

Carabiniere ucciso a Foggia: le parole di Salvini

Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha pubblicato su Facebook le seguenti parole:

“Colpito a morte durante il servizio in provincia di Foggia. Una preghiera per Vincenzo, un abbraccio commosso alla sua famiglia, ai suoi colleghi e all’intera Arma dei Carabinieri.
Il mio impegno perché l’assassino non esca più di galera e perché le Forze dell’Ordine lavorino sempre più sicure, protette e rispettate.”

Ulteriori dettagli sul conflitto a fuoco

La tragedia sarebbe avvenuta nella piazza principale del paese di 7.000 abitanti nel Parco Nazionale del Gargano, durante un normale controllo a un posto di blocco.

Una pattuglia ha fermato l’auto con a bordo un uomo, che, secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe essere un pregiudicato. Quest’ultimo avrebbe sparato e poi tentato la fuga. I militari lo hanno però, come già detto, bloccato.

Oltre al carabiniere ucciso, un altro sarebbe ferito ma non sarebbe in gravi condizioni.

Il nome del carabiniere è Vincenzo Carlo Di Gennaro, maresciallo vicecomandante della stazione di Cagnano Varano.

Le parole di Di Maio

Anche il vicepremier Luigi Di Maio è intervenuto con un post su Facebook, ecco le sue parole:

“Questa mattina durante un ordinario controllo, nella piazza principale di Cagnano Varano, un criminale ha estratto una pistola e ha sparato contro due nostri Carabinieri. Uno di loro, un maresciallo, è deceduto; l’altro è rimasto ferito ed è in ospedale. Il mio cordoglio, la mia vicinanza alla famiglia e ai cari dei due militari. 
Questo omicidio non ha colpito solo due servitori dello Stato, ma l’intero Stato. Chi tocca un Carabiniere tocca lo Stato, tocca ognuno di noi. Ora basta, ci sarà una reazione!”

 

Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.