Culla di neonato
adv

Nessuna notizia avuta dai genitori, che non hanno mai visto la salma del proprio bambino nato all’ospedale di Caserta

Un vero e proprio mistero nel casertano, che va avanti ormai da troppi mesi. Lo scorso 20 novembre, una donna partorisce il suo bambino, nato purtroppo senza vita, presso l’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, senza mai aver avuto modo di vederlo. Un episodio insolito, contornato già dalla tragicità del decesso del neonato, che non trova assolutamente spiegazione. Immediatamente dopo le dimissioni, la famiglia ha denunciato la vicenda alla Procura di Santa Maria Capua Vetere.

Sala parto

Nessuna chiarimento sulla vicenda

Pare che dopo la denuncia, la Procura abbia disposto l’autopsia per capire le circostanze da cui sia dipesa la morte del neonato. Anche in questo caso, la famiglia non ha mai ricevuto alcun referto, alimentando ancor di più il malessere degli sfortunati genitori. Di seguito, le parole del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli:Ci è stata segnalata la vicenda di una donna che ha partorito all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta lo scorso 20 novembre ma, a distanza di poche ore, le è stato detto che il bambino era morto. Non ha mai avuto modo di poterlo vedere. Ci ha riferito che, come documentazione, avrebbe ricevuto unicamente la lettera di dimissione. Dopo la dimissione ha denunciato la vicenda all’autorità giudiziaria e la Procura ha disposto l’autopsia. La salma, però, non le sarebbe mai stata restituita“.

 

Riapertura delle indagini

Un caso di sanità assolutamente illogico, che, si spera, possa trovare rapidamente una soluzione, nonostante siano già trascorsi otto lunghi mesi. “Abbiamo inviato una nota alla Procura di Santa Maria Capua Vetere che, all’epoca, dispose l’autopsia per chiedere notizie” – ha continuato Borrelli – “riteniamo che sia passato un lasso di tempo ampio e che la madre abbia tutto il diritto di riavere la salma del bambino”.