Ci siamo quasi, 100 giorni al general data protection regulation

Manca poco al fatidico evento, chi è pronto al General Data Protection Regulation?

150
General Data Protection Regulation

Manca davvero poco all’effettiva entrata in vigore del nuovo regolamento sulla Privacy GDPR – General Data Protection Regulation. Il 25 maggio 2018 rappresenta, dunque, una data importante oltre che una scadenza davvero impellente ed adempiere alle direttive previste dalla cosiddetta 2016/679 e rispettare, quindi, la normativa imposta dal nuovo Regolamento UE risulta una questione di estrema importanza oltre che spiccata urgenza.

Sono molte, infatti, le aziende che si ritrovano costrette a riconsiderare e valutare i propri procedimenti di gestione dati e, ancor più numerose sono, inoltre, le aziende che non hanno potuto affidarsi a pacchetti risolutivi già impostati. I titolari delle aziende, secondo quanto previsto dalla nuova normativa, sono costretti ad informarsi, formarsi ed anche e soprattutto aggiornarsi sulla modalità e sulle procedure di tenuta dei propri dati e dei propri sistemi.

Ogni titolare di azienda diverrà, infatti, il diretto responsabile dei propri dati e, soprattutto, della loro corretta gestione anche alla luce dei nuovi processi di analisi, monitoraggio e tutela.

Il General Data Protection Regulation è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 4 maggio 2016 ed è entrato in vigore il 25 maggio dello stesso anno. Considerando, inoltre, che la sua efficacia effettiva ed ufficiale avverrà per l’imminente 25 maggio 2018, le ristrette tempistiche sono, ormai, più che evidenti!

L’ acronimo GDPR, anche se breve, contiene al suo interno un vasto e variegato bagaglio di informazioni, concetti, principi, terminologie, e soprattutto regole da rispettare ed osservare; pertanto, l’urgenza è estremamente palese! La corretta applicazione di tali procedure e la protezione di determinati valori ed informazioni sarà, dunque, fondamentale tanto per il totale rispetto di una normativa e di un Codice della Privacy generato, per la prima volta, a livello europeo quanto per la tutela dai duri provvedimenti previsti per il mancato adempimento. Le sanzioni per le inosservanze, tra l’altro, risultano anche estremamente gravose; si parla di multe dal valore pari anche ai 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo.

Conviene rischiare?

Serena Giorgio è nata a Napoli nel 1986. Laureata alla Facoltà di Antropologia con 110 e lode e Giornalista Pubblicista regolarmente iscritta all’Ordine, vanta numerose collaborazioni con quotidiani, testate online ed emittenti televisive fondamentali per il panorama giornalistico partenopeo e campano. Scrittura, Video Editing, Letteratura ed Enogastronomia sono soltanto alcune delle sue intense passioni; vere e proprie storie d’amore che hanno rispecchiato a pieno la sua formazione, le sue specializzazioni e le sue attività lavorative. Autrice di numerosi testi e trattati circa la Storia della Musica e l’Antropologia dell’Alimentazione; Serena ha curato anche numerose attività di produzione e post produzione per importanti docu-fiction di carattere nazionale. Un saggio aforisma sostiene “Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”. Per sillogismo aristotelico, dunque, Serena non lavora... Serena ama.