Lago di Alleghe, Bolzano, sede dell'omonima università
Lago di Alleghe, Bolzano, sede dell'omonima università
adv

Google Scholar, motore di ricerca informatico, ha inserito al primo posto per numero di citazioni dei suoi articoli il docente universitario italiano Marco Gobbetti

Il professor Marco Gobbetti, ordinario di Microbiologia Agraria presso la Facoltà di Scienze e Tecnologia della Libera Università di Bolzano (LUB), ha raggiunto il primo posto su Google Scholar per numero di citazioni dei suoi lavori scientifici nel settore “Food Microbiology“.

I suoi articoli scientifici sono stati citati 20.113 volte, superando così di una spanna il docente Nagendra P. Shah, dell’Università di Hong Kong, Professore di Scienze e Tecnologie alimentari, Scienze dell’alimentazione e della nutrizione, Facoltà di Scienze Biologiche. Shah è cittadino australiano.

Gobbetti è nato a Perugia ed è stato professore ordinario all‘Università degli Studi di Bari Aldo Moro dal 2000 al 2016. Dal 2017 lavora presso la LUB.

TechPark Noi dell’Alto Adige

Il Noi è un Parco Tecnologico di altissimo livello, ubicato nell’Alto Adige. In questo istituto Marco Gobbetti guida, con la docente Raffaella Di Cagno (giunta al 14esimo posto su Google Scholar) il laboratorio di microbiologia alimentare della LUB con una squadra di dieci scienziati.

Google Scholar

Questo motore di ricerca è stato lanciato il 20 novembre del 2004 da Anurag Acharya e Alex Verstak. È gratuito e utilizzando parole chiave specifiche permette di identificare brani accademici come articoli tesi di laurea, lavori di dottorato, libri, recensioni, sommari e rapporti tecnici di tutti i settori della ricerca scientifica.

Logo Google Scholar
Logo Google Scholar (Fonte Wikipedia)

Devono essere stati tutti sottoposti a revisione paritaria per essere pubblicati dal motore di ricerca.

Tramite Google Scholar è possibile poter consultare tutta una serie di articoli, pubblicati da prestigiose case editrici specializzate in ambito accademico.

Possiamo essere molto orgogliosi di questo successo tutto italiano che dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, l’altissima qualità della nostra ricerca scientifica.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.