CNH industrial adotta il cloud Microsoft Azure: novità per i veicoli agricoli

183
trattore-industriale-NEW
adv

Anche il settore della metalmeccanica si apre al cloud computing. L’ultima, in ordine cronologico, è stata la CNH Industrial (azienda italo-statunitense) che ha deciso di avviare un nuovo progetto finalizzato alla trasformazione digitale che possa portare alla realizzazione di nuove macchine agricole dotate di connettività ed altre tecnologie innovative.

L’azienda opera con diversi importanti brand internazionali come New Holland Agriculture, Case IH e Steyr, quest’ultimo presente solo in Europa, ed ha voluto inserire nella propria organizzazione una nuova Service Delivery Platform(SDP) che possa fornire, ai propri clienti, tutta una serie di servizi vantaggiosi e altamente sviluppati grazie alla quantità di dati che ogni veicolo riesce ad ottenere durante il funzionamento.

Questa SDP è supportata dal cloud Microsoft Azure che, grazie allo sviluppo tecnologico dei vari servizi digitali, riesce a fornire un certo numero di dati ad ogni veicolo e a permettere un nuovo flusso di entrate nonché attività commerciali ottimizzate. Oltre ai tre brand di CNH industrial bisogna aggiungere che come parte del progetto c’è anche Iveco, azienda specializzata nella produzione di veicoli commerciali.

Per raggiungere l’obiettivo prefissato da CNH, tuttavia, sarà fondamentale avere una Service Delivery Platform impeccabile, in quanto centro nevralgico delle operazioni, che dovrà digitalizzare i vari brand dell’impresa, trasferire con assiduità i vari dati ai veicoli (grazie al cloud Microsoft Azure) e facilitare lo sviluppo della connettività ai vari servizi offerti alla clientela.

I veicoli realizzati per le attività commerciali, infatti, dovranno essere il mezzo di diffusione di strumenti tecnologicamente avanzati per i propri utenti in modo tale da poter offrire specifiche funzioni innovative come il monitoraggio dei vari parametri del veicolo (dallo stile della guida alla meccanica interna), una riduzione e ottimizzazione dei tempi di operatività complessiva e una manutenzione proattiva per il mezzo di trasporto.

A questi primi vantaggi potranno essere aggiunti, per i “responsabili delle flotte” (i gestori di tutte le attività afferenti al parco dei veicoli posseduti dalla singola azienda), la condivisione dei dati con i principali partner e il monitoraggio dei consumi del carburante; i dati condivisi, inoltre, potranno comportare una crescita degli attuali benefici.

Il Service Delivery Platform permetterà di avere nuove funzioni innovative

La scelta di CNH Industrial di adottare il servizio di cloud computing, affidandosi a Microsoft, deriva dalla possibilità di cambiare il pacchetto di servizi che l’azienda promuove e riserva ai propri clienti; con questa nuova collaborazione, infatti, entreranno in gioco i Big Data (strumento di analisi dei dati per la valutazione su future scelte aziendali) coadiuvati da strumenti molto efficaci che riusciranno ad implementare e migliorare le attività dell’azienda.

All’interno del progetto di CNH Industrial, tuttavia, non c’è soltanto il cloud Microsoft Azure, la nuova SDP o l’utilizzo dei Big Data ma sono inclusi anche gli Internet of Things (IoT) del settore industriale, le tecnologie Analytics (insieme di strumenti in grado di garantire un’ottima performance aziendale e la completa integrità dei dati trattati) e l’intelligenza artificiale, tutti strumenti che fanno parte del mondo Microsoft.

Il rapporto di collaborazione con Microsoft per CNH Industrial, infatti, è molto stretto tanto che, qualora sia necessario, l’azienda italo-statunitense potrà chiedere aiuto agli esperti del dipartimento dei Microsoft Entreprise Services per completare il piano di funzionamento della Service Delivery Platform; questi esperti, infatti, grazie alle loro competenze potranno realizzare idonei programmi di trasformazione digitale e fornire un piano organizzativo completo che partirà dalla strategia aziendale iniziale ed arriverà alle funzionalità pratiche della SDP.

Un altro accordo, infine, siglato nel mese di febbraio dalla CNH Industrial è quello con Monsanto Company e, nello specifico, con The Climate Corporation (affiliato). Questo accordo comprende sempre nuovi servizi, tecnologicamente sviluppati, dei veicoli per i propri clienti e nello specifico si tratta di fornire una condivisione di dati a due vie tra la piattaforma agricola leader del settore, nelle mani della The Climate Corporation, e quella per l’agricoltura di precisione PLM Connect e AFS, gestioni telematiche dei dati.

Anche CNH Industrial, quindi, ha scelto di basare parte della propria organizzazione aziendale al servizio cloud Microsoft Azure per migliorare diversi servizi ed offrire ai propri clienti funzioni in tempo reale con connettività, anche durante lo svolgimento delle proprie funzioni a bordo dei vari veicoli commerciali.

Questo dimostra come la tecnologia sta cambiando portando novità verso le quali le aziende non possono tirarsi indietro se vogliono mantenere la propria posizione di competitività e qualità sul mercato nazionale ed internazionale.