Sono state presentate più di 100mila domande per il concorso DSGA, a breve il MIUR comunicherà tutte le informazioni sulla prova preselettiva
adv

Il concorso indetto dal MIUR per l’assegnazione di n. 2004 posti come Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi rappresenta la più grande opportunità lavorativa, degli ultimi anni, nella scuola pubblica

Non sorprende, quindi, che le domande di partecipazione siano state circa 102.900, di cui 20.143 solo in Campania. La selezione per la copertura dei posti avverrà su base regionale, attraverso selezione per titoli ed esami. In particolare, per quanto riguarda la nostra regione i posti disponibili sono solo 160, per cui facendo le dovute proporzioni si evince che solo un candidato su 126 supererà potrà ricoprire tale posizione lavorativa. Dai numeri si può facilmente dedurre che la selezione sarà durissima, di seguito verranno forniti alcuni informazioni utili per affrontare al meglio la prova preselettiva.

La prova preselettiva

Come previsto dal bando di selezione, lo svolgimento della prova preselettiva è legata al numero dei partecipanti, nel caso della regione Campania, visto che il numero dei candidati è superiore a quattro volte il numero dei posti disponibili si procederà ai sensi dell’art. 12 del suddetto bando. La prima cosa che bisogna sapere è che tutte le informazioni inerenti allo svolgimento della suddetta prova verranno pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 15 marzo 2019.

La prova preselettiva prevede la somministrazione di 100 quesiti a risposta multipla,  vertenti  sulle  seguenti discipline: Diritto costituzionale e Diritto Amministrativo con rifermento al diritto dell’Unione europea; Diritto Civile; Contabilità pubblica con particolare riferimento alla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche; Diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego contrattualizzato; Legislazione scolastica; Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico personale scolastico ed infine, Diritto penale. La preselezione avverrà grazie all’uso di postazioni informatiche, il candidato avrà a disposizione 100 minuti per la risoluzione dei quesiti, al termine dei quali il sistema acquisisce definitivamente le risposte fornite fino a quel momento e non sarà più possibile continuare la prova d’esame. Fino  all’acquisizione   definitiva,   i partecipanti potranno correggere le risposte già date. La prova preselettiva avverrà nella regione prescelta dal candidato al momento dell’invio della domanda di partecipazione e potrà svolgersi in più sessioni.

Tutte le informazioni necessarie verranno comunicate almeno quindici giorni prima  della  data di  svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato sul sito internet del Ministero e degli USR competenti.

La banca dati  e valutazione della prova

I  quesiti  oggetto della prova preselettiva sono  estratti  da  una  banca  dati  contenente 4000 domande che verrà pubblicata sul sito internet del Ministero, almeno  venti  giorni  prima  dell’avvio  della  prova. Ad ogni risposta esatta sarà assegnato 1 punto mentre per le risposte omesse o errate non verranno assegnati punti. Il candidato potrà consultare istantaneamente il proprio risultato. Potranno sostenere la prova scritta un numero di candidati pari a tre volte il  numero  dei posti messi a concorso per ciascuna regione, nel caso della Campania i primi 480 classificati. Sono altresì ammessi tutti  i  partecipanti  che abbiano conseguito nella  prova  preselettiva  un  punteggio  pari  a quello del candidato collocato nell’ultima posizione utile.

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.