Ad un anno dalla sua morte il Regno Unito omaggia il grande Stephen Hawking con una moneta celebrativa.
adv

Ad un anno dalla sua morte il Regno Unito omaggia il grande Stephen Hawking con una moneta celebrativa.

Per celebrare la morte del grande astrofisico Stephen Hawking, da tempo malato di sla e morto un anno fa, la Zecca britannica ha deciso di coniare una moneta in suo onore. La moneta è stata messa in circolazione il 12 marzo, su una delle due facce del piccolo disco di metallo, del valore di  di 50 penny (circa 60 centesimi di euro), è impressa l’immagine di un buco nero e di un’equazione, le due grandi passioni dello scienziato. La designer che si è occupata del progetto, Edwina Ellis, ha dichiarato: “Mi piace pensare che se l’avesse vista avrebbe riso di gusto”. Non è la prima volta che la Zecca Reale inglese rende omaggio ad un grande scienziato prima di Hawking altri illustri uomini di scienza come Isaac Newton e Charles Darwin hanno ricevuto lo stesso onore.

Chi era Stephen Hawking?

Stephen Hawking era un brillante matematico, fisico, cosmologo e astrofisico, la sua fama è paragonabile a quella di Albert Einstein e come quest’ultimo è stato anch’esso un’icona pop.

Nato ad Oxford l’8 gennaio del 1942, dedicò tutta la sua vita alla ricerca scientifica, in particolare si deve a lui la scoperta dei buchi neri e la teoria cosmologica sull’inizio senza confini dell’universo. Il suo più grande pregio è stato, però, quello di aver fatto avvicinare l’uomo comune alle stelle, la sua incredibile umanità, arguzia e il suo stile anticonvenzionale hanno fatto appassionare milioni di persone ad argomenti particolarmente complessi ma anche straordinariamente interessanti. Il suo ultimo lavoro, pubblicato postumo sul sito Arxiv, dai suoi collaboratori di Harvard e Cambridge trattava, per l’appunto, dei buchi neri e su quale fosse la sorte degli oggetti risucchiati al suo interno. La pubblicazione “Black Hole Entropy and Soft Hair”, approfondiva il paradosso dell’informazione dei buchi neri, in altre parole, lo studio cercava di scoprire dove finissero tutte le informazioni fisiche relative ad un oggetto caduto in buco nero.

Non solo scienziato ma anche uomo di spirito

Hawking era anche famoso per la determinazione con cui ha affrontato la sla. Una malattia degenerativa che l’ha colpito alla giovane età di 21 anni, all’epoca i dottori gli diagnosticarono solo due anni di vita ma lui decise di smentire la previsione e lo ha fatto per oltre 50 anni. Nonostante le difficoltà legate alla malattia Hawking ha sempre partecipato volentieri ad eventi e convegni pubblici. Inoltre, si divertito molto a recitare anche in alcuni episodi di telefilm e sitcom di grande successo come Star Trek – The Next Generation, The Big Bang Theory e addirittura i Simpson. Come se ciò non fosse abbastanza è stato anche il protagonista nello spot pubblicitario della famosa casa automobilistica Jaguar e nel 1994 prestò la sua voce sintetizzata ai brani “Keep Talking” e a “Talkin’ Hawkin” dei Pink Floyd nonché ad una cover di  “Galaxy Song” dei Monty Python. La vita di Stephen Hawking, infine, è stata fonte d’ispirazione per intere generazioni ed è stata raccontata magistralmente nel film “La Teoria del tutto” diretto da James Marsh, adattamento della biografia scritta dalla ex moglie e madre dei suoi 3 figli Jane Wild Hawking.

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.