Coronavirus, ecco come utilizzare correttamente i guanti
adv

I guanti monouso sono di grande aiuto nel proteggerci dal coronavirus, a patto però che siano utilizzati in maniera corretta

 

La diffusione del contagio da coronavirus ha fatto sì che in tutta Italia si cominciasse a dare molta importanza all’utilizzo di oggetti solitamente ritenuti non indispensabili, quali Amuchina, mascherine chirurgiche e guanti monouso: oggetti piuttosto comuni diventati tutto d’un tratto introvabili, dando anche spunto ad alcuni commercianti per speculare sulla vendita a prezzi rialzati all’inverosimile.

Ma si tratta, in fin dei conti, di cose davvero utili? La risposta ovviamente è sì, a patto però che vengano utilizzate in maniera corretta: vediamo, ad esempio, cosa dobbiamo ricordarci nell’utilizzare i guanti monouso.

Guanti monouso contro il coronavirus: cosa dice il ministero della salute?

 

Vista la superficialità con cui spesso ci avviciniamo all’utilizzo di strumenti del genere, magari inficiandone l’effettiva utilità, è stata sicuramente una scelta saggia quella del Ministero della Salute di pubblicare sul proprio sito un breve memorandum che ci ricordi in quali condizioni i guanti monouso siano effettivamente utili per proteggerci dal coronavirus.

Il primo ammonimento del Ministero è a non commettere l’ingenuità di credere che l’utilizzo dei guanti possa sostituire una corretta igiene: lavarsi le mani, come spesso ripetuto nelle ultime settimane, è fondamentale ed è la cosa da fare più spesso e nella maniera più accurata possibile.

Non va mai dimenticato, inoltre, che i guanti sono monouso e non vanno quindi utilizzati per un tempo superiore a quello indicato: una volta sporcati i guanti vanno tolti e gettati nell’apposito contenitore della raccolta differenziata.

Va da sé, a questo punto, che i guanti non vadano assolutamente riutilizzati; è sempre una scelta saggia, inoltre, quella di eliminare i guanti una volta conclusone l’uso (ad esempio dopo aver finito di fare la spesa al supermercato, per quanto poco tempo possiate averci impiegato).

Dove e quando vanno utilizzati i guanti?

 

Un’altra questione riguarda tempi e luoghi di utilizzo dei guanti: certo, a portarli non si fa mai un danno, ma quali sono i luoghi e i momenti in cui l’utilizzo di un paio di guanti monouso risulta effettivamente utile se non fondamentale?

Sicuramente in determinati contesti lavorativi: si pensi, ad esempio, a chi lavora nell’ambito della ristorazione o del commercio di alimenti, o anche come personale addetto alla pulizia. In situazioni del genere è sicuramente possibile avere a che fare con superfici infette o, al contrario, farsi inconsapevolmente veicolo del virus nel caso in cui si sia già stati contagiati.

Quasi superfluo, inoltre, sottolineare quanto sia indispensabile l’utilizzo dei guanti nel caso in cui ci si occupi di assistenza ospedaliera o anche di assistenza a domicilio dei malati.