Coronavirus, ecco la lista dei film rinviati e delle produzioni sospese
adv

Anche il mondo del cinema è stato sconvolto dallo scoppio della pandemia da coronavirus: vediamo l’elenco dei film rinviati

Il continuo espandersi del contagio da coronavirus ha inevitabilmente coinvolto tanti aspetti della nostra quotidianità, tra cui ovviamente anche il cinema: impotenti abbiamo assistito alla progressiva chiusura delle sale cinematografiche, il cui effetto è stato ovviamente quello del rinvio di tante uscite in programma nei prossimi mesi.

Il dilagare della pandemia e le notizie di contagi avvenuti anche a Hollywood e dintorni (si pensi a Tom Hanks o a Idris Elba) hanno fatto sì che tante produzioni decretassero lo stop alle riprese, nella speranza di poter riprendere i lavori il prima possibile.

Vediamo, dunque, come si presenta ad oggi la situazione italiana ed internazionale.

Il coronavirus e il cinema internazionale: rinviati Mulan, No Time to Die e A Quiet Place 2

Tante, come dicevamo, le uscite attesissime per cui è stato annunciato un rinvio ormai inevitabile: tra le più importanti troviamo Mulan, remake live action del classico Disney datato 1998, ma anche il nuovo capitolo della saga di 007, No Time to Die, ultimo film con Daniel Craig nei panni dell’agente segreto britannico.

Rinviato anche l’arrivo in sala di A Quiet Place 2, seguito del fortunato film del 2018 con John Krasinski e Emily Blunt alle prese con creature aliene dall’udito ipersensibile.

Stessa sorte è toccata anche a New Mutants (sfortunatissimo, ormai al quarto rinvio), Antlers, The Lovebirds, Fast & Furious 9, Slay The Dragon e Peter Rabbit 2.

C’è più di un pezzo da novanta anche nelle produzioni cinematografiche attualmente sospese: tra queste troviamo infatti il The Batman di Matt Reeves con Robert Pattinson, ma anche Shang-Chi e La Sirenetta, così come il terzo capitolo di Animali Fantastici, il nuovo film di Ridley Scott The Last Duel e Jurassic World: Dominion.

Sfortunato anche Guillermo Del Toro, costretto oltre che a rinviare quell’Antlers di cui è produttore anche a fermare le riprese del suo Nightmare Alley.

E in Italia?

Problemi, inevitabilmente, anche per il cinema made in Italy: la prima vittima dell’emergenza coronavirus nel cinema italiano è stato Volevo Nascondermi, il film uscito vincitore dall’ultima Berlinale che vede Elio Germano nei panni del pittore Antonio Ligabue.

Rinvii a data da destinarsi anche per Si Vive una Volta Sola di Carlo Verdone e per Ritorno al Crimine, la nuova commedia di Massimiliano Bruno.

In questo caso i problemi si moltiplicano: trattandosi spesso di piccole produzioni, infatti, per molti film italiani programmare una nuova uscita in sala sarà piuttosto problematico. Per ovviare a questo problema l’idea è quella di far debuttare alcuni di questi film online, tramite piattaforme come Netflix, Tim Vision, Chili e altre ancora.