2 giugno molto diverso dal solito
adv

La tradizionale parata militare del 2 Giugno sugli splendidi Fori Imperiali quest’anno, probabilmente, non si farà a causa del Coronavirus 

E’ molto probabile che, per quest’anno, dovremo fare a meno dell’annuale parata militare sui Fori Imperiali per la Festa della Repubblica Italiana del 2 Giugno. 

Il Ministero della Difesa, che organizza l’evento, e la Presidenza della Repubblica sono giunti a questa decisione, anche se mancano ancora fonti ufficiali definitive, per evitare il diffondersi della pandemia da Covid-19

Anche se stiamo tornando, lentamente, alla normalità, è giusto non abbassare la guardia. Evitare assembramenti, di militari e civili, metterebbe tutti a rischio contagio, mettendo così in forse gli sforzi fatti da noi tutti per debellare questa malattia. 

Come saranno improntate le celebrazioni? 

I festeggiamenti per il 2 Giugno saranno improntate alla sobrietà con la quale sono avvenute le recenti celebrazioni per il 25 aprile (Festa della Liberazione Nazionale)

Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, si recherà comunque a rendere il suo sentito omaggio al Vittoriano, dove giace un nostro soldato morto durante la Prima Guerra Mondiale (Il Milite Ignoto). 

In questo caso, rispetto al 25 aprile, il Presidente non dovrebbe essere solo. Infatti, quest’ultimo sarà accompagnato dalle altre massime cariche dello Stato (come ad esempio il Presidente del Consiglio dei Ministri, i Presidenti del Senato e della Camera).  

Il tutto avverrà seguendo i protocolli di distanziamento sociale. 

Le Frecce Tricolori non mancheranno il 2 Giugno

Altro punto in comune con il 25 aprile sarà la partecipazione delle Frecce Tricolori, il celebre 313esimo Gruppo di Addestramento Acrobatico, da sempre il momento culminante di questo tipo di celebrazioni. 

Le Frecce sono nate nel 1961 grazie alla volontà dell’Aeronautica Militare, la quale decise di organizzare un gruppo permanente per l’addestramento (dei propri assi) all’acrobazia aerea collettiva.

Infine, potrebbero essere presenti un piccolo gruppo di militari, rappresentativo delle diverse Forze Armate che compongono l’Esercito Italiano. Se così fosse, sarebbe molto importante, al fine di rendere onori ai tanti uomini e donne che servono in divisa la Repubblica Italiana