adv

Il Coronavirus non da tregua: il numero dei contagiati in Italia è di 1577 persone, di cui 34 deceduti e 83 guariti. Cosa sta succedendo?

L’impatto del Coronavirus continua ad allargarsi e non sono Italia. Il virus conta oltre 88 mila pazienti positivi, di cui  79.824 in Cina, 3.526 in Corea del Sud e 1.577 in Italia.

Solo in questi giorni in Cina sono decedute altre 35 persone, mentre un’altra persona è morta in Giappone.

Da quando è scoppiato il virus si è verificato un indice di crescita di nuovi casi nel mondo rispetto che in Cina, infatti l’Oms ha rivalutato il rischio di diffusione globale portandolo a livelli molto alti.

Tuttavia, non bisogna allarmarsi, infatti nonostante il numero dei contagiati sia ancora molto alto oltre 42.000 pazienti sono guariti.

Coronavirus Italia e nel mondo

Coronavirus: la situazione italiana

Dei  1577 casi risultati positivi al CoVid-19, 798 si trovano in isolamento domiciliare, mentre 639 pazienti sono stati ricoverati con sintomi e altri 140 sono in terapia intensiva.

Nel nostro Paese è attiva una sorveglianza rispetto al virus e sono stati attivati i controlli sotto il coordinamento della Task Force ministeriale.

Si ricorda che l’Italia dopo il 30 gennaio ha bloccato tutti i voli da e per la Cina, secondo l’Ordinanza del Ministero della Salute.

Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, rassicura gli italiani ricordando che ci sono tantissimi medici e infermieri di grande valore che stanno lavorando duramente per fornire gli aiuti necessari.

Attualmente l’Italia si trova divisa in tre zone:

  • Zona Rossa: ovvero le aree colpite come i comuni di Bertonico, a Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini in Lombardia e il comune di Vo in Veneto;
  • Zona Gialla: tra cui l’Emilia-Romagna, la Lombardia, il Veneto, Pesaro, Urbino e Savona,
  • ed infine la Zona Verde.

Nonostante la situazione sia ancora delicata, si sta lavorando per tenerla sotto controllo e le precauzioni non mancano.

Infatti la chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma resterà ancora chiusa come la Scala di Milano fino al 8 marzo.

Dall’estero, invece, l’Oman ha sospeso tutti i voli turistici per l’Italia per l’aeroporto di Salalah per un mese con l’intento di frenare la diffusione del coronavirus.

Coronavirus nel mondo

Non mancano gli aggiornamenti anche nel resto del mondo, infatti in Australia c’è stata la prima vittima del Coronavirus, un uomo di 78 anni deceduto a bordo della nave da crociera Diamond Princess rimasta per giorni nella Baia di Yokohama in Giappone.

Anche la moglie della vittima è risultata positiva al virus ed è attualmente ricoverata nell’ospedale della città australiana, Perth.

In Brasile è stato accertato un secondo caso positivo al coronavirus reso noto dal Ministero della Sanità di Brasilia. Il paziente aveva viaggiato in Italia lo scorso 27 febbraio.

Evitare il contagio

Dall’America non arrivano buone notizie: il volo da New York a Malpensa è stato cancellato a causa del rifiuto dell’equipaggiamento di partire per paura del coronavirus. 200 passeggeri tra cui 22 avvocati italiani sono rimasti bloccati negli USA.

Inoltre il governatore dello Stato di Washington ha dichiarato lo stato di emergenza dopo la prima vittima del CoVid-19.

 

 Coronavirus: come difendersi dal contagio

C’è un modo per contrastare il Coronavirus, ovvero adottare comportamenti individuali utili a non propagare la diffusione.

Ciascun individuo può fare la propria parte per contenere il virus e il contagio seguendo le 10 indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità.

 Le istituzioni devono lavorare insieme nel massimo coordinamento per debellare il CoVid-19

Le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità:

lavare le mani

  1. Lavati spesso le mani
  2. Evita il contatto ravvicinato con persone
    che soffrono di infezioni respiratorie acute
  3. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  4. Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
  5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici,
    a meno che siano prescritti dal medico
  6. Pulisci le superfici
    con disinfettanti a base di cloro o alcol
  7. Usa la mascherina solo se sospetti
    di essere malato o assisti persone malate
  8. I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina
    non sono pericolosi
  9. Gli animali da compagnia non diffondono
    il nuovo coronavirus
  10. In caso di dubbi non recarti al Pronto Soccorso:
    chiama il tuo medico di base e se pensi di essere
    stato contagiato chiama il 112