cyberbullismo a Napoli
adv

Ragazzina subisce atti di cyberbullismo a Napoli. Denunciati due minorenni ai Carabinieri

A volte, i minorenni sanno essere di una crudeltà incredibile. Un caso di cyberbullismo, a Napoli, è l’ultimo di una lunga serie nel mondo.

Il bello di essere se stessi

Ognuno dovrebbe sentirsi libero di essere come desidera, senza dover subire le ingiurie di persone ignoranti e becere che non comprendono come la bellezza consista proprio nella diversità. 

Nessuno deve permettersi di giudicare un altro essere umano per il suo modo di vestirsi, la sua religione o il suo orientamento sessuale. 

Minorenne vittima di cyberbullismo 

Una bambina, di 12 anni, è stata fatta oggetto da parte di due suoi presunti amici, un ragazzo di 14 anni e una ragazza che li compirà a breve, di attacchi sui social e stalkerizzata. 

Oggetto di questi attacchi su Instagram è il fisico della 12enne, considerato non in linea con i presunti canoni del momento. 

Minacce, anche di morte, e foto denigratorie hanno portato la ragazzina ad avere una sincope alcune settimane fa. 

L’intervento della madre

La madre della vittima, una professionista 50enne, ha tentato di intervenire sui due delinquenti allertando i loro genitori. Avrebbe soltanto peggiorato le cose da quanto ha riportato Il Mattino. Anche quest’ultima sarebbe stata minacciata, portandola a denunciare il tutto ai Carabinieri. 

Dalle carte presentate dall’avvocato della signora, Sergio Pisani, ai Carabinieri le minacce dei due minorenni sono gravissime. 

Minacce di picchiare la 12enne se la madre avesse continuato a denunciare la situazione e offese gravissime. 

Una vicenda degradante e triste per tutte le famiglie coinvolte. 

Domani tratteremo questo delicato argomento con un professore che si è occupato a lungo di cyberbullismo.