La Spada Laser di Star Wars
adv

Nella nuova edizione dell’Oxford English Dictionary sono state inserite ben tre parole provenienti da Star Wars: jedi, lightsabre (spada laser) e padawan

Guerre Stellari, per la regia di George Lucas, uscì nelle sale cinematografiche l 25 maggio del 1977. Da allora, molta acqua è passata sotto i ponti. Star Wars è diventato un merchandising di tutto rispetto, tanto da essere acquistato dalla The Walt Disney Company.

Eppure, nonostante tutto, molte delle parole entrate nell’uso comune come spada laser, jedi e padawan, provenienti direttamente dall’Universo di Guerre Stellari, non erano state inserite nei dizionari. Fino ad oggi, grazie alla decisione intrapresa dalla Oxford English Dictionary.

Star Wars e Oxford English Dictionary

Il più celebre e importante dizionario in lingua inglese ha da poco fatto degli importanti aggiornamenti. Tra questi ultimi troviamo tre vocaboli chiaramente definiti e un aggiornamento del termine Forza, tutti provenienti dalla fertile immaginazione di George Lucas.

Jedi, Padawan e Spada Laser

Un cavaliere Jedi è “Nell’universo immaginario dei film di Guerre Stellari un membro di un ordine di eroici e abili monaci guerrieri che sono in grado di sfruttare il potere mistico della Forza”.

Padawan, ci informa Oxford, è “un apprendista Jedi”. Ma, in questo caso specifico, l’uso della parola si è allargato fino ad essere utilizzato per indicare “una persona giovane, ingenua o non allenata”.

La Spada Laser, in inglese conosciuta come Lightsabre, è “Nell’universo immaginario dei film di Star Wars un’arma simile a una spada ma con un raggio di luce distruttivo al posto della lama”.

La Forza sia con voi

Quest’ultima, nell’ambito di Guerre Stellari, è un “campo mistico di energia universale”, il quale permea tutte le cose ed è manipolato dai midiclorian.

Cosa ne pensate? Il dizionario si è espresso correttamente oppure no?

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.