Deliveroo ha deciso di aprire, come hanno fatto altre società di e-commerce, un negozio reale. Il primo è stato stabilito ad Hong Kong
Deliveroo ha deciso di aprire, come hanno fatto altre società di e-commerce, un negozio reale. Il primo è stato stabilito ad Hong Kong
adv

Deliveroo ha deciso di aprire, come hanno fatto altre società di e-commerce, un negozio reale. Il primo è stato stabilito ad Hong Kong

Deliveroo è una società britannica online per la vendita di cibo da asporto, fondata nel 2013 dall’imprenditore statunitense William Shu e da Greg Orlowski. Tramite questa compagnia è possibile prenotare pietanze online per poi farsele recapitare a domicilio.

Una società culinaria mondiale

L’impresa di Orlowski e Shu ha la sua sede principale a Londra ed è presente in circa 200 città tra Australia, Belgio, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Olanda, Regno Unito, Singapore, Spagna e Taiwan.

Il mondo cibernetico sembra che però stia stretto a Deliveroo che ha deciso di aprire un suo negozio “fisico”, ad Hong Kong. Lo scopo molto probabilmente è volta alla conquista del crescente mercato alimentare asiatico.

Deliveroo Food Market

Il nome del locale sarà Deliveroo Food Market e ha la peculiarità di ospitare cinque ristoranti, tra i quali una pizzeria e un Linguini Fini, che presenterà i migliori manicaretti della cucina nostrana.

Gli avventori potranno scegliere tra diversi piatti da asporto di numerosi paesi, così da farseli poi recapitare a casa.

Quest’iniziativa risulta essere un prosieguo di Deliveroo Editions, progetto vincente che ha permesso alla società di e-commerce di avere l’utilizzo di molte cucine in comune con vari ristoranti. In questo modo si abbattono i costi per entrambi i beneficiari, sia per il ristorante sia per Deliveroo.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.