Dobedoo
adv

L’applicazione che spiega come visitare Napoli su misura di tempo e tasche.

Tutto quello che vorreste sapere su Napoli e che non avete mai avuto il coraggio di chiedere. Recentemente è stato presentato alla Stazione Marittima di Napoli un portale dalle grandi promesse. Dobedoo, questo è il nome della webapp che permette di personalizzare la visita della città partenopea in base alle disponibilità di tempo e di denaro del visitatore.

Il principio è innovativo in quanto permette di definire una “lista dei desideri” di cose da fare e di luoghi da visitare, in base alle quali programmare il miglior tour o itinerario possibile.

Dobedoo, “Cosa posso fare ?”

Dopo essersi iscritti ed aver indicato le proprie preferenze, il numero di partecipanti, gli orari preferiti, l’app costruisce un percorso ottimizzato che rispecchia al meglio i desiderata del fruitore, con un’attenzione particolare anche alla movida notturna.

La lista ovviamente comprende: alloggio, trasporto, luoghi da visitare, dove mangiare, musei ed eventi culturali, non dimenticando di indicare anche le probabili condizioni meteo del periodo selezionato. Quest’ultima “chicca” eviterà, ad esempio, di programmare visite all’aperto in caso di condizioni meteo avverse. Per semplificare ulteriormente la scelta, sarà possibile prenotare alcune attività direttamente dall’app.

L’approccio è decisamente diverso da quello standard dei siti abituali, in quanto non si limita a consentire prenotazioni di trasporto ed alloggio. Piuttosto, l’idea portante è offrire una guida esperta del posto che aiuti a scegliere il meglio, confrontarlo con i mezzi a disposizione, ed alla fine, confezionare il giusto mix di divertimento, economicità ed organizzazione per sfruttare al meglio ogni secondo del proprio soggiorno a Napoli e dintorni.

Lo sviluppo è stato realizzato completamente a Napoli, come ha illustrato Marco Marini, CTO (chief technology officer), ovvero Direttore Tecnico della società.

Giovani che sono andati via

La presentazione è stata supportata anche dalle istituzioni cittadine, a testimonianza della vivace stagione turistica che sta vivendo la città dopo un lungo periodo di stasi. Anche il Presidente dell’Autorità Portuale di Napoli, Pietro Spirito, ha sottolineato l’importanza delle sinergie tra le realtà positive napoletane, valorizzando gli snodi tra mare, cultura e buon cibo che a Napoli trovano molte eccellenze.

Spirito ha sottolineato come l’iniziativa sia stata realizzata da giovani napoletani che hanno avuto il coraggio di non andar via, ma piuttosto di investire sulla città aggiungendo ad una sana dose di imprenditorialità il tocco di genialità che “ai napoletani non manca mai”.

Solo per turisti ?

L’idea è ovviamente rivolta ai turisti in visita, ma, da quanto sembra offrire questa applicazione, è spontaneo immaginare che anche tanti Napoletani possano utilizzarla per organizzare il proprio tempo libero. In un unico contenitore, costantemente aggiornato, è infatti possibile conoscere tutti gli eventi programmati ed in corso in città, senza dover “saltare” tra tanti siti web.

Probabilmente, anche grazie a questa webapp, alcuni verranno a conoscenza di luoghi e cultura fino ad ora sconosciuti, di cui Napoli è ricchissima. È forse il caso di riscoprire il significato della frase “Sii turista nella tua città”. Napoli, di certo, lo merita.

Nata a Napoli nel 1993, Federica Amodio è laureata magistrale in Scienze e Tecnologie Genetiche presso il centro di ricerche genetiche BIOGEM 110 con lode. La sua tesi di laurea, verte sui meccanismi di regolazione del gene Zscan4 da parte dell’acido retinoico nelle cellule staminali embrionali murine. L’espressione di questi geni regolano le prime fasi per lo sviluppo degli embrioni. Per lungo tempo ha collaborato con il centro per una pubblicazione scientifica inerente al suo progetto di tesi.