Aiutare chi è in difficoltà è importante
adv

Un’iniziativa benefica napoletana sta cercando di aiutare i più deboli, coloro che non hanno ammortizzatori sociali o familiari con i quali fare fronte al Covid-19

 Una struttura di Volontariato e di Solidarietà è un connubio di esperienze specifiche, di conoscenze dirette delle necessità e dei bisogni della collettività, provata da indigenza, stenti e privazioni.

In un frangente come quello attuale, tale sinergia è prerogativa imprescindibile per sostenere gli ultimi.

“Aggiungi un posto a tavola”

Per incentivare l’intenso lavoro di rafforzamento e valorizzazione delle varie forze operanti, con un coinvolgimento di iniziative sempre a più ampio respiro, nell’interesse comune, PSB Srl e ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), FUESM (Fraternitas Universa Equitum Sancti Michaelis) – con il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Napoli il cui Presidente Amedeo Manzo è sempre attento a tematiche afferenti il sociale – hanno inteso dar vita all’iniziativa benefica “Aggiungi un posto a tavola”.

Bisogna superare ogni riserva ed essere convinti nel perseguire, con forza e incessante impegno, l’incremento di questo meraviglioso patrimonio sociale di smisurato valore morale.

Per fortuna il nostro Paese annovera un gran numero di cittadini praticanti il volontariato: circa il 13% è il tasso attuale. Ma possiamo e dobbiamo fare di più.

La maggior parte, dei volontari europei (24%), è impegnata in attività di volontariato presso associazioni sportive o associazioni per attività all’aperto. Seguono le associazioni culturali o artistiche (20%), gli enti caritativi o di assistenza sociale (16%), le associazioni di comunità o di quartiere (13%) e le organizzazioni religiose (12%).

Figurano poi le organizzazioni per la difesa dell’ambiente, dei diritti degli animali ecc. (7%), le associazioni o i circoli per anziani (7%) e i circoli giovanili (7%) e le associazioni per la tutela degli interessi dei pazienti e/o dei disabili (6%).

I dati sono, evidentemente, troppo globali per essere soddisfacenti nella nostra realtà territoriale.

E’ di qualche anno fa uno studio di Save The Children (la più grande organizzazione mondiale che si dedica al miglioramento della vita dei bambini) che sancisce la maglia nera della Campania, in tema di possibilità offerte ai minori con la conseguente classificazione negativa. Anche in questo segmento dobbiamo essere pronti e condividere le parole di Papa Francesco quando afferma che la solidarietà non è un’elemosina sociale, ma un valore.

Appunto a tale principio si ispira “Aggiungi un posto a tavola”.

Aggiungi un posto a tavola

Il volontariato

Il nostro volontariato è una colonna portante e insostituibile in tutte quelle attività rivolte al sociale di cui sempre più il nostro Paese ha bisogno. Ed oggi, più che mai, tale bisogno è impellente ed urgente.

È evidente come, in momenti di crisi economica, la vulnerabilità e l’ampiezza delle categorie sociali più fragili cresca esponenzialmente, facendo riscontrare un  aumento della domanda cui la scarsezza di risorse rende spesso complesso rispondere con un’adeguata offerta.

Sono il volontariato e le iniziative benefiche che, faticosamente, tentano di accorciare, lenire e mitigare questo vulnus. Non è immaginabile che il volontariato sia ridotto a mero portatore di servizi, per quanto meritori e strategici.

Il suo ruolo cruciale, è sempre di più, anche quello di portare alla società un contributo di idee innovative, di passioni, di cognizioni uniche, capaci di contaminare positivamente le istituzioni, la politica e la cultura, come anche gli stili di vita dei cittadini.

Le iniziative benefiche non possono che tramutare, in proposte concrete, una tale grande risorsa, studiano le esigenze di cui si necessita.

E’ quanto si prefiggono PSB e ARES, sostenute dalla Banca di Credito Cooperativo che da sempre è sensibile a tali tematiche.

Non esiste mai un cuore così duro in cui non si possa seminare un sogno”, affermava Paul Valery. Noi vogliamo provare anche a seminare sogni dove nessuno penserebbe mai di farlo.