Dragonsdogma
Dragonsdogma
adv

Dragon’s Dogma, il celebre RPG sviluppato da CAPCOM diventerà una serie tv in stile anime prodotta da Netflix che ne ha acquisito i diritti.

Dragon’s Dogma

Ultimo esponente della vecchia generazione e tra i primi a meritare la remasterd, Dragon’s Dogma è un videogioco che ha avuto veramente tanto da dire. Partito inizialmente come un semplice “soulslike”, si è guadagnato ben presto il titolo di cult a tutti gli effetti grazie alle numerose citazioni, easter eggs ed alle dinamiche da puro gioco di ruolo (non a caso CAPCOM organizzava l’attrezzatura per i vecchi giochi di ruolo della Wizards of the Coast come Dungeons&Dragon). Musiche coinvolgenti ed una trama coerente e completa hanno permesso al giocatore di immergersi completamente nei panni di un personaggio colpito dalla maledizione del drago.

La storia

Un normale cittadino prova a difendere il suo villaggio durante l’attacco del drago della profezia. Preso dalla bestia, viene maledetto e costretto a condividere il suo cuore con lui fino a che non l’avrà sconfitto. Detta così a molti viene in mente un altro cult, stavolta degli anni 90′, ovvero il film DragonHeart, ma in questo panorama le cose cambiano. Aiutati da personaggi chiamati “pedine”, il nostro maledetto dovrà abbattere il drago mentre contribuisce al benessere di tutta la nazione, favorendo villeggianti, cittadini, nobili e persino il re nelle loro richieste. Un gameplay che a primo impatto lo inquadra come soulslike, ma appena si approfondisce un po’ il gioco ci si rende conto che il prodotto può essere considerato di un’altra pasta. L’alternarsi della difficoltà in concomitanza del giorno e della notte, le numerose citazioni (alcune tolte poi nella versione rimasterizzata per problemi di diritti) ed una trama piacevole seppur troppo scontata sono stati gli elementi chiave per cui, a distanza di anni, Netflix ha voluto acquistarne i diritti e tramutarlo in un anime serializzato.

La serializzazione grazie a Netflix

Recentemente è uscita anche la sinossi dell’anime in questione, che recita: “La storia segue il viaggio di un uomo in cerca di vendetta nei confronti di un drago che gli ha rubato il cuore. Sul suo cammino l’uomo viene riportato in vita come Arisen. Un’avventura d’azione su un uomo sfidato dai demoni che rappresentano i sette peccati mortali degli umani.”
Una trama che sembra non troppo fedele al videogioco, ma che comunque fa ben sperare per il progetto. Parole sinceramente positive sono state, invece, pronunciate dal director di Sublimation, che lavorerà con Netflix all’anime: “Il team di Sublimation ha sognato a lungo di lavorare su un proprio titolo. Spesso abbiamo collaborato con gli studi partner per creare porzioni in computer grafica parziali all’interno di titoli altrui, perciò ci sentiamo molto fortunati a lavorare con Netflix grazie a questo accordo di produzione. Siamo entusiasti di poter portare ai fan di tutto il mondo la nostra esclusiva animazione in cel-shading fatta di texture realizzate a mano.”