Albert Einstein lottò sempre contro la proliferazione nucleare
adv

Il 9 luglio 1955 venne presentata ufficialmente il Manifesto Russell – Einstein. Di cosa trattava?

Ad oggi, 2019, siamo ancora imprigionati nel timore di una possibile guerra atomica, la Terza Guerra Mondiale.

Il Quarto Conflitto Mondiale, come ci è stato raccontato in tanti film e libri di fantascienza (e distopici), sarebbe combattuta con le clave visto che la Civiltà umana verrebbe spazzata via completamente.

Eppure ci sono stati uomini coraggiosi che hanno cercato di impedire la proliferazione nucleare. Proprio come nel caso del Manifesto concepito da Albert Enstein e da Bertrand Russell.

Gruppo di scienziati, tra i quali vediamo Albert Einstein

Il Manifesto di Russell-Einstein

Il 9 luglio 1955, a Londra, venne mostrata al mondo il Manifesto di Russell-Einstein, documento che richiedeva sostanzialmente a tutti gli scienziati atomici del globo di riunirsi per discutere liberamente dei pericoli insiti nell’esistenza delle armi atomiche.

Anche se furono Russell e Einstein i promotori dell’iniziativa, la frase con la quale divenne celebre il Manifesto non fu opera loro ma del fisico polacco naturalizzato britannico Józef Rotblat.

Quest’ultimo era rimasto profondamente sconvolto dall’utilizzo militare dell’energia atomica da parte degli Stati Uniti d’America sul finire della II Guerra Mondiale. Durante la presentazione del Manifesto, avvenuta a Caxton Hall (Londra), Rotblat disse: “Ricordatevi della vostra umanità, e dimenticate il resto”.

Tutti i firmatari del documento

Il testo venne firmato : Max Born; Percy W. Bridgman; Albert Einstein; Leopold Infeld; Frédéric Joliot-Curie; Herman J. Muller; Linus Pauling; Cecil F. Powell; Joseph Rotblat; Bertrand Russell e Hideki Yukawa.

Scienziati di diverse nazionalità e orientamenti politici, uniti dalla volontà di Pace.

L’incontro tra scienziati si tenne?

Nonostante le molte difficoltà, l’incontro auspicato da Albert e Bertrand si tenne in Canada, nella Provincia della Nuova Scozia. L’iniziativa ebbe modo di svolgersi grazie al finanziamento elargito da un amico di Russell,  il milionario Cyrus Eaton.

La Conferenza di Pugwash per la Scienza e gli Interessi del Mondo, come organizzazione internazionale permanente,  fu fondata nel 1957 da Russell e Rotblat.

Questa istituzione, nel 1995, ha vinto il Premio Nobel per la Pace a causa dei suoi sforzi per il disarmo nucleare.

Una lezione che purtroppo non tutti hanno ancora appreso.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.