Il razzo futuristico progettato da Space X, compagnia fondata da Elon Musk, esplode durante un test di pressurizzazione
adv

Il razzo futuristico progettato da Space X, compagnia fondata da Elon Musk, esplode durante un test di pressurizzazione

Cos’è andato storto?

Il sogno di Elon Musk di conquistare lo spazio subisce una battuta d’arresto. Lo scorso 20 novembre, durante un test di pressurizzazione, la parte superiore del razzo Starship di SpaceX è letteralmente saltata in aria. Fortunatamente l’incidente non ha provocato feriti.

Il collaudo del nuovo prototipo è stato condotto nello stabilimento di Boca Chica in Texas e trasmesso in diretta streaming su YouTube. La parte superiore, nella quale era stipato il combustibile criogenico (ossigeno liquido), è esplosa. La cupola scaraventata verso l’alto è precipitata dopo alcuni secondi al suolo. L’ossigeno liquido usato come propellente per il razzo è immediatamente evaporato disperdendosi nell’aria in un gigantesca nuvola bianca. Ad ogni modo a seguito dell’incidente non si sono verificati ulteriori problemi come incendi o altre esplosioni.

Il futuro di Space X

L’incidente di mercoledì scorso non deve essere visto come un fallimento. Il prototipo esploso, infatti, è stato assemblato e disassemblato diverse volte dalle maestranze della Space X che hanno utilizzato questo veicolo per mettere a punto metodi di lavoro che si riveleranno preziosi per la costruzione dei futuri modelli orbitali. Elon Musk, subito dopo l’incidente ha tranquillizzato tutti gli appassionati che hanno seguito l’evento in streaming. Il CEO di Space X, in un twitter, ha dichiarato: “lo scopo del test odierno era di pressurizzare i sistemi al massimo, quindi il risultato non era del tutto inaspettato”.

Il prototipo Mk-1, un veicolo spaziale riutilizzabile, presentato da SpaceX lo scorso anno mira a far decollare il mercato del turismo spaziale e, soprattutto, a rilanciare la corsa alla Luna, tentando il balzo verso Marte. L’incidente che ha gravemente danneggiato Mk-1 rallenterà il programma di sperimentazione di Space X, il prototipo avrebbe dovuto iniziare i voli di prova ad un’altitudine di 20 km nelle prossime settimane. Musk ha già dichiarato che Mk-1 verrà ritirato dal mercato e che per i prossimi test verrà utilizzato il prototipo Mk-3.

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.