estate, la privacy che non c'è
adv

Con l’incalzare dell’estate siamo tutti meno attenti alla salvaguardia della nostra privacy. E anche i cosiddetti vip subiscono assalti di fan e tifosi, a volte inattesi, a volte… meno. Ecco qualche storia interessante di questa calda estate 2018.

Può capitare a chiunque ormai, di farsi “paparazzare” da qualche parte in giro per il mondo, magari involontariamente, comparendo in maniera fortuita nel selfie di qualcun altro. Con la rivoluzione-smartphone, il concetto di privacy è entrato in una nuova delicata fase della sua storia, e l’attenzione anche legislativa alla materia, degli ultimi anni, lo dimostra. Ma d’estate, assieme a tanti altri, anche i freni della privacy sembrano allentarsi, e basta poco per veder finire la propria immagine in giro per il web, magari poco pronta alla prova costume, magari in una compagnia che si preferiva tenere segreta. Questo vale per tutti, tutti i giorni. E vale ancora di più per i personaggi pubblici.

J-Lo e la luna caprese

Di certo consapevole di scatenare un bailamme di fotografi e fan, era la star americana Jennifer Lopez quando ha deciso di concedersi alcuni giorni di vacanza a Capri, dove qualche giorno prima erano sbarcati anche altri due divi del calibro di Leonardo Di Caprio e Matthew Mc Conaughey. J-Lo però, come sempre accade, ha letteralmente dato spettacolo, mandando in delirio i suoi fan, durante una cena nel noto ristorante isolano Anema e core. Sollecitata, ma nemmeno troppo, dai presenti, la Lopez è salita su un tavolo è ha trascinato la folla con la sua hit Let’s get loud, sexy come sempre in un vestitino a fiori. Dopo lo show improvvisato, Jennifer ha raggiunto il palco di Guido Lembo e ha raccolto una vera e propria ovazione dal pubblico.

Salah, delirio post-Mondiali

Dalla musica al calcio, facendo un piccolo passo indietro. Idolo indiscusso in patria (e in Inghilterra, dove gioca con la maglia del Liverpool), dopo un mondiale da protagonista, l’attaccante egiziano Salah ha visto il proprio indirizzo pubblicato da un anonimo sui social network. È partito così l’assedio: migliaia supporter del calciatore si sono presentati sotto casa sua per acclamarlo e chiedere una foto. Per un bel po’ di tempo l’ex attaccante della Roma non si è sottratto ai suoi tifosi, uscendo nel cortile e trattenendosi a firmare autografi e a comparire in migliaia di selfie. La situazione però non accennava a calmarsi, e alla lunga è stato indispensabile l’arrivo della polizia.

Torino: scintille tra CR7 e i residenti

Ancora calcio e privacy. L’arrivo di Cristiano Ronaldo sembra aver mandato in visibilio tutti i tifosi della Juve e tanti appassionati di calcio italiani. A essere meno contenti sarebbero invece gli abitanti del quartiere torinese scelto da CR7 per risiedere durante la sua esperienza sotto la Mole. Tra questi anche l’attrice Luciana Litizzetto, che secondo il settimanale Oggi starebbe addirittura pensando di traslocare, preoccupata per la propria privacy, e per l’assalto continuo di tifosi e telecamere, che si aggirerebbero in zona ventiquattr’ore su ventiquattro. Non tutti i Ronaldo vengono per regalare gioie, insomma.

I miei genitori mi diedero due nomi, Giovanni e Luca: idea elegante, ma poco pratica. Per fortuna, rimediarono soprannominandomi in modo più semplice Gianluca. Ho 38 anni e sono un ragazzo della provincia: Palma Campania, precisamente; scoprire dove si trovi è una sfida avvincente. La mia attività principale è subire le conseguenze dell'essermi abilitato giornalista professionista. Dopo aver maturato alcune esperienze in redazioni radio e TV, oggi scrivo di spettacoli, televisione e teatro principalmente, sebbene ami molto di più il cinema: l'importante nella vita è fare scelte coerenti. Per PSB Privacy e Sicurezza, mi occupo di tecnologia e video game, mantenendo l'obiettivo di informare e, nel contempo, aprire una finestra di aria fresca e leggera sulle notizie.