facebook e gdpr
adv

Mark Zuckerberg in merito alla General Data Protection Regulation dichiara che questa varrà solo in Europa, la stessa politica di protezione della circolazione dei dati personali infatti non ha valore nel resto mondo

Gli americani saranno esclusi dalla politica di riservatezza e trattamento dei dati personali, il cosiddetto Gdpr (Regolamento UE  2016/679. Il Chief Exectuve Office dei Social non ha esteso infatti la normativa al resto del mondo.

Zuckerberg nonostante abbia affermato che Facebook non adotterà la politica vigente in Europa, si dichiara d’accordo con il nuovo Regolamento in tema di privacy infatti, il team sta già provvedendo a formulare una versione che sia conforme con la maggior parte dei parametri del Gdpr in modo da poter essere valida in tutto il mondo.

A tal proposito il fondatore di Facebook non si sbilancia circa quali parametri saranno inseriti, ma assicura che il regolamento sarà pienamente rispettato nell’Unione Europea.

psb consulting

Sostanzialmente quello che emerge è una minor protezione dei dati personali per chiunque non sia cittadino dell’Unione Europe, che pertanto saranno maggiormente esposti al rischio di uso improprio e diffusione non autorizzata dei dati personali.

Nonostante il Gdpr sia stato molto criticato in America dai politici e dalle imprese per limitare molto i modelli di business, l’incremento di dati rubati e fake news sta facendo sorgere la necessità di adottare un regolamento che possa gestire al meglio la privacy degli utenti.

Il CDD di Washington sta pressando quanto più possibile per far si che le norme del General Data Regulation siano approvate ed utilizzate in tutto il mondo, in modo da essere valide per aziende di grosso calibro come Facebook e Google.

In base a quanto affermato dall’ACLU approvare i parametri della normativa Europea non sarebbe una cosa complicata né tantomeno impossibile, dal momento che una forma di privacy circa i dati personali esiste in tutti i paesi, con il Gdpr sarebbero solo rinforzati, anche se rispetto all’UE il diritto di tutela dei dati personali non è previsto per il singolo utente, ma come diritto del consumatore che deve poi essere ponderato con le necessità delle imprese.

Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.