adv

Oltre alle nuove politiche di sicurezza previste da Facebook è stata introdotta una nuova norma che prevede il consenso dei genitori per tutti gli adolescenti che vogliono utilizzare il social

 

Per spiegarla meglio, la limitazione prevista per il nuovo programma di sicurezza di Facebook richiede ai ragazzi, di età compresa tra i 13 e i 15 anni, il consenso genitoriale per avere accesso ai contenuti pubblicitari sponsorizzati sul social. Il consenso al riconoscimento facciale sarà a scelta dell’utente, anche se sarà disabilitato a priori per chiunque abbia meno di 18 anni. Questo per garantire una minor diffusione di foto personali senza il consenso del diretto interessato.

Lo scandalo della Cambridge Analytica ha introdotto una ventata di cambiamenti per Facebook che saranno conformi alle norme del Gdpr europeo. Mark Zuckerberg, inoltre, ha anticipato che tali cambiamenti saranno resi effettivi, in un secondo momento, anche nel resto del mondo.

Intanto, il social impone limiti severi per gli adolescenti, i quali avranno una versione specifica del format, priva di annunci poco rilevanti e con condivisione limitata. Il limite impostato può essere abolito grazie al permesso dei propri genitori o di un tutore che consente di usare Facebook con tutte le sue componenti. Le limitazioni previste riguardano principalmente il poter inserire nel proprio profilo opinioni politiche e religiose, vedere inserzioni in base ai dati forniti dallo sponsor pubblicitario e maggior discrezione per i dati personali come compleanni o città natale.

L’aggiornamento di Facebook sarà disponibile in prima battuta per l’Europa, successivamente sarà esteso agli Stati Uniti e Canada e ad ogni membro della community, a prescindere dalla posizione geografica, sarà richiesto di rivedere le proprie informazioni, scegliendo ciò che meglio garantisce la propria privacy.

In questo modo, ogni iscritto alla piattaforma potrà decidere se dare il consenso all’utilizzo dei propri dati personali agli sponsor pubblicitari, inoltre saranno liberi di poter cancellare dal profilo le informazioni circa il proprio orientamento politico e religioso.

Infine, Facebook offre la possibilità a chi ha sempre condiviso inconsapevolmente i propri dati di non condividerli più, cancellando in maniera molto più semplice ciò che non si vuole più rendere pubblico.

 

Avatar
Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.