Facebook
adv

Dopo un anno di rodaggio nei soli USA Facebook annuncia la diffusione globale del proprio servizio di streaming

 

Esperimento riuscito

È passato più di un anno dal 9 agosto 2017, giorno in cui Facebook Watch, piattaforma on demand del social network di Mark Zuckerberg, fu annunciata ufficialmente al grande pubblico. Il servizio fu immediatamente disponibile per una ristretta cerchia di utenti americani, per poi essere esteso a tutti gli Stati Uniti entro la fine di agosto. I risultati, stando a quanto dichiarato dal capo della sezione Video Fidji Simo, sono da ritenersi più che soddisfacenti: secondo Simo, infatti, ogni mese più di 50 milioni di residenti negli USA hanno guardato almeno un minuto di video su Facebook Watch. Il boom nei primi mesi del 2018, periodo durante il quale il tempo totale trascorso a guardare video si è più che decuplicato. Forte di queste notizie incoraggianti, dunque, sembra che Facebook abbia ritenuto i tempi maturi per lanciare la sua piattaforma di streaming anche nel resto del mondo.

I dettagli

A partire dal 29 agosto 2018, data dell’annuncio ufficiale, Facebook Watch è dunque disponibile per gli utenti di tutto il mondo. Ma cosa c’è da sapere sull’offerta della nuova estensione del popolarissimo social network? In primis diamo un’occhiata ai device compatibili: Facebook Watch potrà essere utilizzata su sistema operativo iOS e Android, ma anche su Oculus TV, Samsung Smart TV, Apple TV, Amazon Fire TV, Android TV e Xbox One. Non c’è abbonamento: l’accesso a Facebook Watch sarà completamente gratuito, coerentemente con la politica societaria di finanziarsi tramite AD Breaks, un sistema di pubblicità che sarà a breve integrato alla piattaforma. Un’altra scuola di pensiero, dunque, rispetto ai diretti concorrenti Netflix e Amazon Prime Video. Differenze che vengono evidenziate anche dalla differente gestione dell’aspetto social, al quale Facebook Watch dedicherà ovviamente maggior attenzione rispetto ai competitors. Esempio principale, in tal senso, il flusso di commenti che apparirà in tempo reale durante gli show, esattamente come durante le normali live di Facebook. I contenuti, ad oggi, sono variegati: si va dallo sport, ai talk show alle news, in collaborazione con colossi come CNN, Fox News e BuzzFeed, ma sono presenti anche produzioni proprie come la serie Sorry for your loss, con Elizabeth Olsen, ben accolta dalla critica. È, naturalmente, solo l’inizio: vedremo tra qualche tempo se e in che misura Facebook saprà imporsi sul mercato dell’intrattenimento in streaming.

Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.