adv

La storia di Michele Cappellari e il suo ritorno alle origini

Con orgoglio, si lascia filmare da una testata giornalistica mentre svolge i suoi compiti quotidiani, ovvero lavorare la terra. L’aria da cantante indie e una signora laurea in agraria conseguita a Bologna, eppure Michele Cappellari (di Brindisi) non desidera altro che zappare. La sua vicenda dimostra, tra l’altro, quanto importanti siano i social network per un contadino oggi.

Andiamo con ordine. Michele, meglio conosciuto su Facebook e Instagram come “Boer il Contadino”, ha 26enne ed è originario di Tuturano (Brindisi): studia a Bologna e consegue una laurea in agraria, ma subito dopo decide di assecondare la sua passione di sempre diventando agricoltore.

La passione di sempre

E pensare che il giovane aveva trovato anche un lavoro stabile nel settore del marketing: ciò nonostante, l’amore per la campagna e la voglia di tornare a casa hanno la meglio. Michele eredita l’attrazione per la terra dalla sua famiglia, titolare di una azienda agricola. Desideroso di fare il contadino fin dai tempi del liceo (come una vera e propria vocazione), Michele dopo l’università torna nella sua Tuturano con la sua fidanzata: sperimenta una serie di incarichi e lavori, ma poi sceglie di buttarsi mettendo in piedi la sua attività imprenditoriale. In modo innovativo!

Michele non crede nel biologico, ma preferisce coltivare attraverso il metodo integrato: proprio per diffondere le sue pratiche, sfrutta i social network con il nome di “Boer il Contadino”. Instagram e Facebook gli permettono di raggiungere più velocemente eventuali clienti, ma anche di avere scambi e confronti frequenti con colleghi e appassionati.

Una soluzione alla crisi occupazionale

Michele Cappellari è sicuro che l’agricoltura sia la vera soluzione alla crisi economica e occupazionale: la terra è la risorsa cui bisognerebbe fare ritorno, documentandosi e sfruttando le nuove tecnologie.

Il giovane Cappellari coltiva prodotti di stagione e, grazie a internet e ai social, li distribuisce ai propri clienti consegnandoli direttamente a casa: chiunque voglia acquistare ortaggi freschi prodotti da lui, non ha che da fare una telefonata o inviare un messaggio.

 

I miei genitori mi diedero due nomi, Giovanni e Luca: idea elegante, ma poco pratica. Per fortuna, rimediarono soprannominandomi in modo più semplice Gianluca. Ho 38 anni e sono un ragazzo della provincia: Palma Campania, precisamente; scoprire dove si trovi è una sfida avvincente. La mia attività principale è subire le conseguenze dell'essermi abilitato giornalista professionista. Dopo aver maturato alcune esperienze in redazioni radio e TV, oggi scrivo di spettacoli, televisione e teatro principalmente, sebbene ami molto di più il cinema: l'importante nella vita è fare scelte coerenti. Per PSB Privacy e Sicurezza, mi occupo di tecnologia e video game, mantenendo l'obiettivo di informare e, nel contempo, aprire una finestra di aria fresca e leggera sulle notizie.