FATTI UN REGALO NON BERTI LA VITA!
adv

Si sono stretti in un unico, grande, ideale abbraccio, teso a salvaguardare la salute di minori e giovani soggiogati dalla funesta moda del momento: ubriacarsi.

Don Salvatore Giuliano, parroco della Basilica Parrocchiale di San Giovanni Maggiore, e Gerardo Avallone, presidente MCC e ideatore del Comitato Genitori No Alcol.
Il Sacerdote ha aperto le porte della Chiesa per offrire un ricovero sicuro alla “giovinezza sbronza”, che esce dai locali della zona, ben oltre l’una del sabato notte; l’avvocato ha creato un Gruppo che ha dato risonanza, amplificandole, alle voci preoccupate dei genitori.

Se ne sono occupati, nei giorni scorsi, i mezzi di informazione; dai giornali alle varie reti televisive, locali e nazionali, denotando, così, tutta l’emergenza sociale che il fenomeno riveste.

Su tali solide fondamenta si preannuncia la Festa di San Antonio, in programma stasera 17 gennaio, nella Basilica, con la Santa Messa e la Liturgia di Benedizione degli animali che seguirà nello spazio adiacente di Largo San Giovanni Maggiore.

A seguire momenti ludici, di aggregazione, balli e canti con la partecipazione di artisti di strada. Dolci e vin brulé faranno da cornice alla manifestazione che annuncia la gradita presenza di “Swing Music and More Sergio Carlino”, avvocato con la passione della canzone in un repertorio impreziosito dal “grande” jazz. Un professionista che, smessa la toga, si dedica ad esibizioni in strada.

E’ solo un primo passo, propedeutico all’annunciata manifestazione “Non bevetevi la VITA, non fate gli SBRONZI”, in programma il prossimo 31 gennaio prossimo, di cui si darà a breve annuncio ufficiale e relativo programma.
I ragazzi che parteciperanno alla festa si sono già dati appuntamento per sabato, 18 gennaio, di buon mattino, quando con ramazze, palette e sacchi ripuliranno la Basilica ed il Largo San Giovanni Maggiore.

Partecipazione in tutti i sensi, a 360 gradi, così come chiedono Don Salvatore Giuliano e Gerardo Avallone che, importante aspetto, hanno dato vita anche a una commissione di medico-scientifica, che farà parte integrante del Comitato,  avvalendosi, per il momento, di un epatologo, un cardiologo ed un oculista.